martedì 28 febbraio | 00:44
pubblicato il 10/ott/2012 15:55

Presidio operai Fiat a Torino: rispettare impegni su Mirafiori

Iuliano (Fim): Azienda rispetti impegno per Mirafiori

Presidio operai Fiat a Torino: rispettare impegni su Mirafiori

Torino, (askanews) - Tre giorni di presidio davanti a Porta Nuova in centro a Torino per chiedere a Fiat di rispettare gli impegni su Mirafiori. E' l'iniziativa messa in campo dalla Fim Torinese, che da questa mattina ha montato un pallone aerostatico in piazza Carlo Felice con la scritta: 'Mirafiori rispettare gli impegni'. Un gesto "per sensibilizzare cittadinanza e istituzioni, ma soprattutto per dare un segnale forte a Fiat", che secondo Ferdinando Uliano, responsabile auto della Fim-Cisl "ha già tergiversato troppo" su Mirafiori."Non abbiamo dato una cambiale in bianco in mano a Marchionne" ha detto Claudio Chiarle, segretario torinese della Fim-Cisl, secondo cui l'attendismo del Lingotto sui Mirafiori getta un'ombra sulla praticabilità del contratto aziendale, firmato da tutte le sigle metalmeccaniche ad eccezione della Fiom.

Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech