mercoledì 25 gennaio | 01:09
pubblicato il 14/feb/2014 19:25

Poverta': estesa al mezzogiorno carta inclusione attiva

(ASCA) - Roma, 14 feb 2014 - Con uno stanziamento di 167 milioni di euro (140 milioni di euro per il 2014 e 27 milioni per il 2015), la sperimentazione della carta per l'inclusione attiva e' stata estesa a tutte le regioni del Mezzogiorno. Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Enrico Giovannini, il Ministro dell'Economia e delle Finanze, Fabrizio Saccomanni, e il Ministro per la Coesione Territoriale, Carlo Trigilia - si legge in una nota -, hanno firmato oggi il decreto che ripartisce le risorse in funzione dell'ampiezza della popolazione che versa in condizioni di maggior bisogno. ''Sono particolarmente contento di questo provvedimento e, soprattutto di avere fatto in tempo a portare a termine questo impegno. Si tratta, infatti, di un passo importante verso il Sostegno per l'Inclusione Attiva (SIA), il primo strumento nazionale e universale di contrasto alla poverta' che abbiamo disegnato ex-novo a settembre, colmando un ritardo storico del nostro Paese'', ha detto il Ministro Giovannini, ricordando che il SIA e' un sistema diverso da un reddito di cittadinanza o di una carta acquisti, dato che prevede per i beneficiari un impegno preciso a cercare lavoro, a prendersi cura dei familiari disabili, a mandare i figli a scuola e a farli sottoporre alle visite mediche periodiche.

Ai fondi oggetto del decreto odierno si sommano altri 300 milioni assegnati a fine dicembre e derivanti dalla riprogrammazione delle risorse europee. ''In questo modo, il 2014 si configura come l'anno nel quale si realizzera' il piu' ampio intervento contro la poverta' mai realizzato in Italia - ha aggiunto il Ministro - pienamente giustificato dalla drammaticita' della situazione''. Infatti, all'intervento gia' avviato nei grandi comuni, alle risorse per la sperimentazione della carta di inclusione sociale e del SIA (complessivamente 550 milioni, che raggiungeranno oltre 400.000 persone), si sommano i 250 milioni di euro erogati attraverso la social card tradizionale, per un totale di circa 800 milioni di euro. Il decreto ripartisce le risorse complessive come segue: Abruzzo 7.067.553 euro, Molise 1.948.075 euro, Campania 46.906.988 euro, Puglia 34.153.790 euro, Basilicata 4.848.306 euro, Calabria 18.600.236 euro, Sicilia 43.073.981 euro, Sardegna 10.401.070 euro.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Generali
Generali, il mercato scommette sulla scalata di Intesa Sanpaolo
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4