domenica 19 febbraio | 22:25
pubblicato il 29/lug/2014 18:20

Poste: servizio universale non e' piu' sostenibile

(ASCA) - Roma, 29 luglio 2014 - ''Il servizio postale universale non e' piu' sostenibile e richiede un'attenta revisione del suo contenuto e delle misure economiche necessarie al suo finanziamento''. Questa la posizione del Gruppo Poste Italiane a fronte della decisione adottata dall'Autorita' per le Garanzie nelle Comunicazioni sulla quantificazione dell'onere del servizio universale. Poste Italiane ha certificato all'Autorita', che apprezza per l'importante lavoro svolto nelle ultime settimane, un onere per la fornitura del servizio universale per gli anni 2011 e 2012 pari rispettivamente a 709 e 704 milioni di euro. L'Autorita', nella sua decisione, ha riconosciuto un onere pari a 380 milioni di euro per il 2011 e a 327 milioni di euro per il 2012. Tali ampie differenze, soprattutto alla luce del progetto di privatizzazione del Gruppo, mostrano quanto sia urgente procedere all'adozione di misure di contenimento dell'onere del servizio universale che non possono che transitare attraverso una revisione delle modalita' di fornitura del servizio stesso per renderlo piu' efficiente, piu' in linea con i bisogni del Paese e con le risorse economiche disponibili per il suo finanziamento''. com/dsk

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia