lunedì 05 dicembre | 01:32
pubblicato il 29/lug/2014 18:20

Poste: servizio universale non e' piu' sostenibile

(ASCA) - Roma, 29 luglio 2014 - ''Il servizio postale universale non e' piu' sostenibile e richiede un'attenta revisione del suo contenuto e delle misure economiche necessarie al suo finanziamento''. Questa la posizione del Gruppo Poste Italiane a fronte della decisione adottata dall'Autorita' per le Garanzie nelle Comunicazioni sulla quantificazione dell'onere del servizio universale. Poste Italiane ha certificato all'Autorita', che apprezza per l'importante lavoro svolto nelle ultime settimane, un onere per la fornitura del servizio universale per gli anni 2011 e 2012 pari rispettivamente a 709 e 704 milioni di euro. L'Autorita', nella sua decisione, ha riconosciuto un onere pari a 380 milioni di euro per il 2011 e a 327 milioni di euro per il 2012. Tali ampie differenze, soprattutto alla luce del progetto di privatizzazione del Gruppo, mostrano quanto sia urgente procedere all'adozione di misure di contenimento dell'onere del servizio universale che non possono che transitare attraverso una revisione delle modalita' di fornitura del servizio stesso per renderlo piu' efficiente, piu' in linea con i bisogni del Paese e con le risorse economiche disponibili per il suo finanziamento''. com/dsk

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari