lunedì 23 gennaio | 06:08
pubblicato il 09/mag/2013 12:31

Poste: Petitto (Cisl), il futuro e' l'azienda multi-service

(ASCA) - Roma, 9 mag - ''Il futuro di Poste Italiane e' sempre piu' quello di una azienda multi-service con un allargamento delle attivita' verso nuovi segmenti di mercato a partire dalla 'Direct -Mail', la spedizione della comunicazione pubblicitaria ed il marketing commerciale. In Italia siamo purtroppo ancora molto indietro. Ma questa e' la ''posta'' che tiene ancora sul mercato''. Lo ha sostenuto il Segretario Generale della Slp Cisl, Mario Petitto, aprendo a Milano Marittima il Congresso nazionale del piu' rappresentativo sindacato di categoria di Poste Italiane, con oltre 65 mila iscritti su 140 mila dipendenti del gruppo. ''In Germania il direct-mail vale gia' oltre la meta' dei volumi complessivi della posta, sei volte in piu' dei volumi italiani - ha sottolineato Petitto -. Occorre che in Italia, le Poste aggrediscano con determinazione la catena decisionale dell' investimento pubblicitario, potenziando la rete commerciale di Poste con un insieme di partnership mirate''. Dai dati forniti oggi dal Slp Cisl, il valore del mercato postale italiano e' strutturalmente inferiore a quello degli altri paesi europei: circa 100 invii per abitante contro una media di 300-400 dei paesi competitori.

Nell'ultimo quinquennio, il volume di traffico postale in Italia ha registrato un calo del 26 %, dovuto alla bassa crescita economica ed alla perdita di quote di mercato a favore delle aziende concorrenti. ''Poste Italiane dovrebbe puntare oltre che sui servizi finanziari ed assicurativi anche sull' e-commerce, ancora sotto dimensionato rispetto alla media europea e sul mercato legato alla modernizzazione della pubblica amministrazione (in particolare il segmento delle notifiche degli atti amministrativi) riconvertendo il personale con massicci interventi formativi'', ha spiegato Petitto. Secondo il leader della Cisl Poste, il declino del settore, a causa della sostituzione della posta tradizionale con le diverse forme di comunicazione elettronica (Email, pec, social networking ), si puo' contrastare diversificando il business di Poste italiane verso nuovi segmenti di mercato e con un quadro normativo orientato alla difesa del settore postale. ''Con la nascita del nuovo governo e' necessario far riaccendere i riflettori sulle Poste per farle uscire dal cono d'ombra in cui sono finite'', ha detto Petitto. ''E' un paradosso constatare come all'estero la nostra azienda sia considerata uno dei migliori operatori postali al mondo, mentre in Italia ci sono tante ostilita' da parte di finanza, banche, persino dell' Antitrust''. Infine la ''stoccata'' al management di Poste Italiane. ''Nessuno pensi di governare la trasformazione di Poste Italiane senza la partecipazione attiva dei lavoratori e senza il sindacato che piu' di ogni altro li rappresenta da sempre'', ha ammonito Petitto, che ha anche rilanciato la partecipazione dei lavoratori agli utili di impresa. red/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4