lunedì 05 dicembre | 16:14
pubblicato il 04/lug/2014 13:38

Poste: Caio, possibilita' remota vendere azienda 'a pezzi'

(ASCA) - Roma, 4 lug 2014 - ''Oggi stiamo lavorando su Poste Italiane come un unico gruppo. Secondo me per ora e' una possibilita' remota''. L'amministratore delegato di Poste Italiane, Francesco Caio smentisce la possibilita' di vendere Poste Italiane a pezzi, dividendo assicurazioni, banche e servizi.

Parlando a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24, Caio in merito al comunicato unitario emanato dopo l'ultimo Consiglio di Amministrazione, spiega che ''e' la palestra verso la privatizzazione. il mercato ha interesse di capire che cosa succede in azienda, dare trasparenza da' valore''.

Riguardo ai rapporti con i sindacati l'Ad di Poste conferma di aver ''sempre pensato che la discussione e il dialogo col sindacato sia una parte essenziale di qualsiasi piano industriale, quindi spiegazione, condivisione, confronto. Ma le poste, le poste italiane, sono un'azienda talmente complessa e di persone, che qualsiasi piano e' imprescindibile da una condivisione, spiegazione con tutti gli stakeholders''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari