lunedì 23 gennaio | 09:56
pubblicato il 02/ott/2015 14:30

Poste, Borghi (Pd): sospeso piano per consegne a giorni alterni

Decisiva mobilitazione Intergruppo parlamentare Sviluppo Montagna

Poste, Borghi (Pd): sospeso piano per consegne a giorni alterni

Roma, 2 ott. (askanews) - Dopo la mobilitazione dei parlamentari aderenti all'intergruppo Parlamentare per lo sviluppo della Montagna, di numerosi Comuni montani, dell'Uncem e dei settimanali cattolici, contro il nuovo piano di distribuzione della corrispondenza a giorni alterni nei centri più piccoli e nelle aree montane, è intervenuto Palazzo Chigi stoppando Poste Italiane. E' stato così rimandato al 31 dicembre l'entrata in vigore del Piano che sarebbe dovuto partire già dal primo di ottobre. Rimandato a dopo la fine dell'anno e solo dopo la verifica sui volumi reali di corrispondenza, effettuata dall'Autorità Garante delle Comunicazione, per evitare disservizi e meno qualità". Lo ha affermato in una dichiarazione Enrico Borghi, presidente dell'Intergruppo per lo Sviluppo della Montagna e presidente nazionale Uncem.

"Questo - ha spiegato- è il risultato dell'intervento di ieri sera del Governo, a fronte della richiesta di presa di posizione da parte dei Deputati dell'Intergruppo parlamentare e di numerosi sindaci italiani, e dopo le proteste dei sindacati e anche dei 190 giornali aderenti alla Fisc, Federazione italiana settimanali cattolici.

"La comunicazione di palazzo Chigi -ha concluso- conferma che avevamo ragione nel denunciare che il nuovo piano di distribuzione dei Poste creava diversi livelli di cittadinanza, penalizzando chi vive nelle zone rurali e montane e aumentando il divario con chi abita nei centri urbani, dove la corrispondenza, lettere e giornali, sarebbero arrivati due volte al giorno. La sospensione del governo apre le prospettive per garantire - dentro il quadro di sbarco in Borsa dell'azienda - quel diritto di cittadinanza sancito dalla Costituzione, che esprime l'uguaglianza davanti alla legge di tutti i cittadini, previsto anche dai recenti accordi con Poste e Servizi postale universale. Tornare indietro, comprometterebbero coesione e sussidiarietà per noi, nel nostro Paese, fondamentali".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4