venerdì 20 gennaio | 04:50
pubblicato il 21/mar/2014 12:24

Porti: sindacati, pronti a contribuire a riforma settore

(ASCA) - Roma 21 mar 2014 - ''Il clima politico, aperta quella che sembra una stagione di riforme, sembra essere maturo anche per una riforma della portualita' italiana''. E' quanto sostengono unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, sottolineando che ''siamo pronti ad offrire il nostro contributo in tutte le sedi di analisi e di proposta, in favore della portualita' e ci aspettiamo un'adeguata considerazione e coinvolgimento ai lavori di una riforma seria che il settore merita''. Secondo le tre organizzazioni sindacali di categoria ''e' necessario un cambiamento ed indugiare ancora sull'adeguamento normativo in grado di riformare il settore, adeguandolo alle nuove esigenze, significhera' comprometterne gli equilibri sociali e le possibilita' di sviluppo, in quanto l'assetto della portualita' definito con la legge 84/94 potrebbe di fatto non rispondere piu' alle esigenze rispetto al contesto di riferimento. L'indebolimento, dovuto alla disomogenea applicazione della stessa norma, sul territorio nazionale - spiegano Filt, Filt e Uilt - provoca ricadute negative sul lavoro, sul piano sociale e della sicurezza''.

''Mentre il dibattito che si sta sviluppando nei convegni o attraverso gli organi di stampa, mettendo a confronto diverse sensibilita' ed interessi, sembra - riferiscono le tre sigle sindacali - che il percorso parlamentare possa nuovamente interrompersi davanti all'individuazione di un diverso strumento legislativo. Quindi, se sul piano dell'individuazione dello strumento normativo la prospettiva e' ancora incerta, sul piano del merito - sottolineano infine Filt, Fit e Uilt - e' indispensabile che vengano assunti, in ogni caso, gli emendamenti sul lavoro gia' contenuti nel ddl di riforma in discussione al Senato che abbiamo sostenuto con forza, ai quali, per completezza sono legati gli altri emendamenti presentati, sull'organizzazione del lavoro per i dipendenti delle Autorita' Portuali e sull'autoproduzione, questione generatrice di conflitti sociali''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale