venerdì 09 dicembre | 11:20
pubblicato il 21/mar/2014 12:24

Porti: sindacati, pronti a contribuire a riforma settore

(ASCA) - Roma 21 mar 2014 - ''Il clima politico, aperta quella che sembra una stagione di riforme, sembra essere maturo anche per una riforma della portualita' italiana''. E' quanto sostengono unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, sottolineando che ''siamo pronti ad offrire il nostro contributo in tutte le sedi di analisi e di proposta, in favore della portualita' e ci aspettiamo un'adeguata considerazione e coinvolgimento ai lavori di una riforma seria che il settore merita''. Secondo le tre organizzazioni sindacali di categoria ''e' necessario un cambiamento ed indugiare ancora sull'adeguamento normativo in grado di riformare il settore, adeguandolo alle nuove esigenze, significhera' comprometterne gli equilibri sociali e le possibilita' di sviluppo, in quanto l'assetto della portualita' definito con la legge 84/94 potrebbe di fatto non rispondere piu' alle esigenze rispetto al contesto di riferimento. L'indebolimento, dovuto alla disomogenea applicazione della stessa norma, sul territorio nazionale - spiegano Filt, Filt e Uilt - provoca ricadute negative sul lavoro, sul piano sociale e della sicurezza''.

''Mentre il dibattito che si sta sviluppando nei convegni o attraverso gli organi di stampa, mettendo a confronto diverse sensibilita' ed interessi, sembra - riferiscono le tre sigle sindacali - che il percorso parlamentare possa nuovamente interrompersi davanti all'individuazione di un diverso strumento legislativo. Quindi, se sul piano dell'individuazione dello strumento normativo la prospettiva e' ancora incerta, sul piano del merito - sottolineano infine Filt, Fit e Uilt - e' indispensabile che vengano assunti, in ogni caso, gli emendamenti sul lavoro gia' contenuti nel ddl di riforma in discussione al Senato che abbiamo sostenuto con forza, ai quali, per completezza sono legati gli altri emendamenti presentati, sull'organizzazione del lavoro per i dipendenti delle Autorita' Portuali e sull'autoproduzione, questione generatrice di conflitti sociali''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina