venerdì 20 gennaio | 15:28
pubblicato il 28/ott/2014 14:46

Portavoce Katainen: salutiamo risposta Padoan, contributo utile

Da Italia e Francia impegno costruttivo; la decisione domani

Portavoce Katainen: salutiamo risposta Padoan, contributo utile

Bruxelles, 28 ott. (askanews) - Le lettere che hanno inviato nei giorni scorsi alla Commissione europea i governi italiano e francese, in risposta alla richiesta di chiarimenti sulle bozze di bilancio 2015, sono state accolte con favore, oggi a Bruxelles, dal portavoce del commissario Ue agli Affari economici, Jyrki Katainen. "Salutiamo il fatto che Italia e Francia si sono impegnate nel processo di dialogo costruttivo con la Commissione... Comunicheremo le conclusioni della nostra analisi delle risposte appena possibile, e al più tardi domani, perché domani è la scadenza prevista. Per ora non posso dire di più", ha detto durante un briefig della Commissione il portavoce, Simon O'Connor.

Le due lettere, ha osservato, costituiscono "dei contributi utili e costruttivi", ma "non possiamo dire in questo momento se questo è sufficiente" per evitare la "bocciatura" dei bilanci da parte della Commissione. "Non posso commentare i dettagli delle lettere, ma un'azione effettiva nello sforzo strutturale di bilancio è il modo migliore di assicurare un aggiustamento strutturale che tenga conto dell'impatto del ciclo economico", ha aggiunto successivamente O'Connor rispondendo a un'altra domanda dei cronisti.

Il verdetto sui bilanci italiano e francese sarà discusso domani dai commissari europei, durante la loro ultima riunione settimanale del mandato. Fonti della Commissione hanno precisato che "domani si decide una risposta solo se verrà constatata una 'grave non ottemperanza'" al Patto di Stabilità, e che questa sarà "una questione cruciale" nella discussione fra i commissari. "Se partono le lettere, insomma, saranno lettere di bocciatura", hanno osservato le fonti. Altrimenti, le risposte di Bruxelles arriveranno più tardi, il mese prossimo, insieme a quelle di via libera relative a tutte le altre bozze di bilancio presentate dagli Stati membri.

Le fonti hanno comunque riconosciuto che le risposte italiana e francese sono viste positivamente, come un sforzo che all'inizio non era scontato. "Francia e Italia avevano detto inizialmente che non avrebbero fatto niente di più" rispetto allo sforzo di bilancio previsto dalle loro bozze inviate a Bruxelles. Invece, "hanno cambiato idea, e questa è una cosa buona. Significa che il processo in corso ha dato i suoi frutti", hanno concluso le fonti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"