giovedì 08 dicembre | 23:08
pubblicato il 28/feb/2013 18:46

Ponte Messina: domani decade contratto. Societa' verso liquidazione

Ponte Messina: domani decade contratto. Societa' verso liquidazione

(ASCA) - Roma, 28 feb - La prima scadenza era fissata per il 1* marzo, termine che non e' stato rispettato dalla controparte, pertanto per il governo il Ponte sullo Stretto non si fara' e la societa' 'Stretto di Messina Spa' sara' commissariata e posta in liquidazione. E' quanto previsto dal decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri il 2 novembre 2012. L'ente preposto alla realizzazione dell'infrastruttura e il General contractor, Eurolink (composto da Impregilo in qualita' di capogruppo, Sacyr -Spagna-, Condotte d'Acqua, Cmc di Ravenna, Ishikawajima-Harima Heavy Industries -Giappone-, Aci scpa), non hanno firmato l'atto aggiuntivo che avrebbe dovuto delineare il percorso da seguire nei prossimi due anni.

Stavolta sembra quindi calare il sipario sulla grande opera che, dal 1981 ad oggi, e' costata circa 300 milioni di euro.

Resta tuttavia l'incognita delle penali da pagare.

Il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, due giorni fa, durante la riunione del Cdm, ha fatto sapere che non esistono le condizioni per emanare la proroga del termine, fissato per domani, per la stipula dell'atto aggiuntivo contrattuale cosi' come richiesto da Eurolink. Il decreto da un lato concedeva altri due anni per il reperimento dei finanziamenti per la realizzazione dell'infrastruttura, dall'altro contemplava la stipula di un atto aggiuntivo con cui Eurolink rinunciava, entro il primo marzo, ''termine perentorio'', alle penali previste dagli accordi per una somma compresa tra 300 e 500 milioni di euro.

Nel piano industriale 2013-2015 Impregilo prevedeva di ottenere 150 milioni come sua quota parte.

Il contraente generale tre mesi fa ha receduto dal contratto e, successivamente, ha proposto l'impugnazione dinanzi al Tar del Lazio contro l'opposizione al recesso presentata dalla 'Stretto di Messina S.p.a.'. Inoltre ha gia' fatto sapere che e' pronto a ricorrere in Tribunale per ottenere il pagamento delle penali, che sarebbero invece decadute con la firma dell'atto aggiuntivo. Cosi' l'ex ministro dei Trasporti, Altero Matteoli, definisce ''un bel capolavoro'' quello di Mario Monti, ''frutto della sua incapacita' politica di gestire anche questa pratica cosi' delicata, complimenti! Invece di realizzare un'opera cruciale per lo sviluppo del Sud e per dare lavoro in una delle aree piu' critiche del Paese, lo Stato dovra' ora pagare penalita' pesantissime sprecando importanti risorse''.

Nei giorni scorsi si erano diffuse indiscrezioni circa l'intenzione del governo di concedere una proroga alla firma dell'atto aggiuntivo, dando quindi piu' tempo alla concessionaria pubblica e al General contractor per trovare un accordo. Le voci avevano fatto insorgere associazioni ambientaliste come Fai, Italia Nostra, Legambiente, Man e Wwf, che in una lettera al presidente del Consiglio avevano bollato questa ipotesi come ''un'intollerabile e ulteriore forzatura''.

A ribadire che ormai i termini per l'accordo sono scaduti ci ha pensato oggi in conferenza stampa il ministro Passera, ricordando che ''a novembre era stato varato un decreto legge che fissava le condizioni in base alle quali si poteva tenere aperto il progetto. Ci si e' dati piu' di quattro mesi per riformulare l'accordo, purtroppo per ora non ci sono segnali concreti da parte del contraente generale di voler accedere a quanto disposto dalla legge. Ad oggi la scadenza del 1* marzo non e' rispettata di conseguenza accadra' quanto prevede la legge''. Dunque ''nessuna novita', il contratto decade domani'' e con esso l'intera societa' e il progetto mai realizzato del Ponte. Salvo nuove sorprese.

ceg/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni