martedì 17 gennaio | 11:55
pubblicato il 28/ago/2014 14:06

Poletti: stop a contrapposizione impresa-lavoro

Primo maggio deve diventare festa del lavoro e della impresa (ASCA) - Rimini, 28 ago 2014 - Per il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, in Italia occorre un cambiamento "culturale" perche' va risolto il tema "della relazione tra impresa e lavoro. Troppa gente pensa che le imprese sfruttino il lavoro e non vadano lasciate libere perche' altrimenti creano disastri. Dobbiamo cambiare testa". Intervenuto al meeting di Comunione e liberazione a Rimini, Poletti ha spiegato: "Ribadisco che il giorno in cui il primo maggio faremo la festa del lavoro e dell'impresa vuol dire che avremo capito, altrimenti hai voglia a cambiare articolo 18, 38".

Per il ministro "l'impianto storico nella relazione lavoro-impresa che e' conflitto-contratto non funziona e va cambiato".

Rbr/Pat/Ral

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Conti pubblici
Conti pubblici: Ue chiede il conto, Italia tratta
Fca
Fca, Delrio: richieste Germania? A Italia non si danno ordini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Ricerca, tartaruga gigante ultimo pasto di squalo del Mesozoico
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate