domenica 04 dicembre | 23:56
pubblicato il 12/nov/2014 14:52

Poletti risponde a Grillo, Jobs act non è imposto dalla Germania

La riforma del mercato del lavoro è una necessità del Paese

Poletti risponde a Grillo, Jobs act non è imposto dalla Germania

Roma, 12 nov. (askanews) - La riforma del mercato del lavoro "non è stata imposta dalla Germania e da qualcun altro". E' quanto sottolinea il ministro del welfare Giuliano Poletti replicando a Beppe Grillo che oggi a Bruxelles ha invitato a lottare contro il Jobs act imposto dal governo della Merkel. "Non credo proprio che sia così" ha detto Poletti ad Askanews a margine di un seminario sulla riforma del mercato del lavoro organizzato dal quotidiano di commenti online InPiù a Roma.

Il Jobs act "è una scelta del governo e che sta facendo il Parlamento perché il paese ne ha bisogno" ha detto ancora Poletti sottolineando che si tratta di "un cambiamento importante nel mercato del lavoro" che consente alle imprese di investire e quindi creare occupazione. Il responsabile del welare ha ribadito inoltre l'utilità del contratto a tutele crescenti. E tornando alle parole di Grillo, il ministro Poletti ha evidenziato che "non si può assolutamente sostenere" che il Jobs act sia "una scelta imposta dalla Germania".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari