sabato 21 gennaio | 15:16
pubblicato il 28/mar/2015 12:43

Poletti: referendum su Jobs act non serve al Paese

"Noi siamo impegnati a dare stabilità e sicurezza"

Poletti: referendum su Jobs act non serve al Paese

Il referendum abrogativo del Jobs act che vorrebbero fare i sindacati non è la "risposta e non è

ciò che serve" alle esigenze del Paese. Lo ha sottolineato il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, a margine del convegno della Piccola industria di Confindustria a Venezia.

"Non credo che un referendum sia una risposta a questo tipo di esigenze - ha avvertito il ministro - ma è nell'ordine della responsabilità che uno ha nel compiere le proprie scelte".

Poletti è tornato sull'azione del Governo che "ha fatto una legge nella convinzione che sia pienamente costituzionale e utile al paese. Detto questo, ci sono delle leggi e delle regole che definiscono le condizioni per lo svolgimento del referendum, se ci sono organizzazioni che fanno questa scelta, legittimamente la

possono fare, io credo - ha concluso Poletti - che non sia questo ciò che serve al paese, oggi noi abbiamo bisogno di impegnarci fortemente a dare stabilità e sicurezza al contesto nel quale lavorano le imprese".

Gli articoli più letti
Bankitalia
Bankitalia: inflazione risale a 1,3% nel 2017, rischi da salari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4