venerdì 09 dicembre | 13:14
pubblicato il 02/dic/2015 18:49

Poletti: mai parlato di cottimo, orario di lavoro deve restare

"Ma bisogna leggere in positivo cambiamenti tecnologia" "

Poletti: mai parlato di cottimo, orario di lavoro deve restare

Milano (askanews) - Mai parlato di cottimo, l'orario di

lavoro c'è e deve mantenersi. Il ministro del Lavoro, Giuliano

Poletti, torna sulle sue dichiarazioni sull'orario di lavoro e, a margine di un evento in Regione Lombardia, ha precisato: "ho

detto che l'orario di lavoro non deve essere l'unico elemento a

cui riferirsi, l'orario di lavoro c'è, è da mantenersi ma noi

dobbiamo anche provare a leggere in positivo le dinamiche del

cambiamento delle nuove tecnologie".

"Quella sull'orario di lavoro è una riflessione aperta a tutto il mondo - ha proseguito - qualcuno ha parlato di cottimo,

sinceramente io non ho mai lontanamente sognato di parlare di

questo, sto parlando esattamente dell'opposto, ossia di una

partecipazione attiva e responsabile del lavoratore alla propria

attività di lavoro, alla produzione del valore e dell'opera che

realizza".

Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
L'armonia di Umbria jazz sposa l'eccellenza dei vini di Orvieto
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina