domenica 26 febbraio | 13:31
pubblicato il 02/dic/2015 16:28

Poletti: mai parlato di cottimo, orario di lavoro deve restare

Ma bisogna leggere in positivo cambiamenti tecnologia

Poletti: mai parlato di cottimo, orario di lavoro deve restare

Milano, 2 dic. (askanews) - Mai parlato di cottimo, l'orario di lavoro c'è e deve mantenersi. Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, torna sulle sue dichiarazioni sull'orario di lavoro e, a margine di un evento in Regione Lombardia, ha precisato: "ho detto che l'orario di lavoro non deve essere l'unico elemento a cui riferirsi, l'orario di lavoro c'è, è da mantenersi ma noi dobbiamo anche provare a leggere in positivo le dinamiche del cambiamento delle nuove tecnologie".

"Quella sull'orario di lavoro è una riflessione aperta a tutto il mondo - ha proseguito - Qualcuno ha parlato di cottimo, sinceramente io non ho mai lontanamente sognato di parlare di questo, sto parlando esattamente dell'opposto, ossia di una partecipazione attiva e responsabile del lavoratore alla propria attività di lavoro, alla produzione del valore e dell'opera che realizza".

"Io ho un'idea molto positiva della tecnologia e dell'innovazione e molte aziende - ha concluso - hanno già portato avanti contratti con queste modalità di organizzazione del lavoro".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech