lunedì 23 gennaio | 06:13
pubblicato il 28/ago/2014 14:04

*Poletti: contratto a tutele crescenti, costo piu' basso iniziale

Su tipologie esistenti non ho pregiudizi (ASCA) - Rimini, 28 ago 2014 - Per il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, il contratto a tutele crescenti deve avere un costo iniziale piu' basso che induca le imprese ad applicarlo.

Intervenuto al meeting di Comunione e liberazione a Rimini, Poletti riferendosi ai contenuti della riforma del mercato del lavoro ha spiegato che quello che occorre sono "nuovi ammortizzatori con una logica di attivazione, politiche attive e una normazione del lavoro con un contratto a tutele crescenti che parta dalla valutazione delle tipologie contrattuali esistenti". "Non ho pregiudizi di alcun tipo, ma bisogna vedere che se un contratto non funziona va eliminato. Io penso - ha detto - che il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti all'inizio dovrebbe avere un costo piu' basso".

Rbr/Pat/Ral

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4