lunedì 05 dicembre | 03:33
pubblicato il 02/gen/2013 16:37

Pmi: Cgia Mestre, a gennaio 15 scadenze fiscali. A febbraio sono 16

(ASCA) - Roma, 2 gen - Per le partite Iva e gli imprenditori italiani sara' un inizio anno denso di scadenze fiscali. Nel mese di gennaio - segnala in una nota la CGIA - ne sono previste 15 mentre altre 16 sono in calendario per il mese di febbraio. Se si tiene conto del peso economico della burocrazia, pari a circa 26,5 miliardi di euro all'anno, del costo che devono sostenere le imprese per pagare le tasse, quasi 3 miliardi di euro all'anno, e del carico fiscale che sfiora ormai il 69% circa dell'utile aziendale, per chi vuole fare impresa il 2013 si presenta denso di ostacoli. Un quadro, segnala la CGIA, che rimane purtroppo a tinte fosche e che continua a penalizzare chi ancora oggi sostiene l'economia e l'occupazione nel nostro Paese: ovvero le pmi.

''Sono numeri che fanno rabbrividire - dichiara il segretario della CGIA di Mestre Giuseppe Bortolussi - Se teniamo conto che la burocrazia e' diventata una tassa occulta che sta soffocando il mondo delle pmi, che il carico fiscale ha ormai raggiunto livelli non riscontrabili altrove e che il costo dell'energia e' tra i piu' alti tra i paesi Ue, non c'e' da meravigliarsi se gli investitori stranieri non vengono qui da noi. E quei pochi che ci sono spesso sono sul punto di lasciarci''. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari