domenica 19 febbraio | 15:16
pubblicato il 02/gen/2013 16:37

Pmi: Cgia Mestre, a gennaio 15 scadenze fiscali. A febbraio sono 16

(ASCA) - Roma, 2 gen - Per le partite Iva e gli imprenditori italiani sara' un inizio anno denso di scadenze fiscali. Nel mese di gennaio - segnala in una nota la CGIA - ne sono previste 15 mentre altre 16 sono in calendario per il mese di febbraio. Se si tiene conto del peso economico della burocrazia, pari a circa 26,5 miliardi di euro all'anno, del costo che devono sostenere le imprese per pagare le tasse, quasi 3 miliardi di euro all'anno, e del carico fiscale che sfiora ormai il 69% circa dell'utile aziendale, per chi vuole fare impresa il 2013 si presenta denso di ostacoli. Un quadro, segnala la CGIA, che rimane purtroppo a tinte fosche e che continua a penalizzare chi ancora oggi sostiene l'economia e l'occupazione nel nostro Paese: ovvero le pmi.

''Sono numeri che fanno rabbrividire - dichiara il segretario della CGIA di Mestre Giuseppe Bortolussi - Se teniamo conto che la burocrazia e' diventata una tassa occulta che sta soffocando il mondo delle pmi, che il carico fiscale ha ormai raggiunto livelli non riscontrabili altrove e che il costo dell'energia e' tra i piu' alti tra i paesi Ue, non c'e' da meravigliarsi se gli investitori stranieri non vengono qui da noi. E quei pochi che ci sono spesso sono sul punto di lasciarci''. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia