domenica 04 dicembre | 13:32
pubblicato il 09/dic/2013 13:10

Pirelli: nessuna irregolarita' nelle operazioni su immobili Telecom

Pirelli: nessuna irregolarita' nelle operazioni su immobili Telecom

(ASCA) - Roma, 9 dic - Non c'e' stata alcuna irregolarita' nelle operazioni sugli immobili Telecom durante la gestione Pirelli. E' quanto ribadisce un portavoce della Pirelli aggiungendo che ''stante il protrarsi di ricostruzioni basate su affermazioni false, Pirelli diffida chiunque dal continuare a insinuare irregolarita' che mai nessuno, consiglieri, comitati, collegi sindacali e audit, ha denunciato negli anni e che neppure le tante verifiche effettuate, anche dopo l'uscita del dottor Tronchetti da Telecom, hanno mai rilevato. La societa' ha dato mandato all'avv. Giuseppe Lombardi e all'avv. Marco De Luca di procedere in ogni sede opportuna a tutela dei propri diritti''.

Il portavoce Pirelli inoltre sottolinea che ''un'analisi piu' attenta della storia degli immobili di Telecom Italia rivelerebbe, contrariarmente a quanto alcuni soggetti continuano a dichiarare, che la gran parte degli immobili di Telecom Italia fu ceduta durante la gestione precedente a quella Pirelli. Farebbe emergere che l'operazione di dismissione degli immobili Telecom avvenuta tra il 2002 e il 2003 non implico' nessuna cessione a Pirelli RE, ma vide il merger di immobili conferiti da Telecom Italia con quelli di proprieta' di una joint venture tra i fondi immobiliari di Morgan Stanley (75%) e Pirelli Re (25%). Gli immobili confluirono in due societa', Tiglio 1 e Tiglio 2, e successivamente furono ceduti attraverso operazioni di mercato. I valori degli immobili furono determinati dalla perizia dell'esperto indipendente CB Richard Ellis. Si tratto' di un'operazione vantaggiosa per Telecom con un ritorno sugli investimenti ''core'' stimato a circa il 10,5-11%, valore superiore al costo degli affitti pari al 7-8%. Operazioni analoghe furono fatte da altri gruppi industriali e operatori di tlc come FT, BT, DT, KPN, Swisscom e Telenor. Una successiva operazione di dismissione immobiliare avvenne tra il 2005 e il 2006 e riguardo' 1.300 immobili acquistati da JV a cui Pirelli RE partecipava sempre con quote di minoranza. Vale la pena ricordare che a partire dal 2004, nelle operazioni immobiliari tra TI e parti correlate diverse da societa' del gruppo, il comitato per il controllo interno e per la corporate governance di Telecom, composto unicamente da consiglieri indipendenti, ricevette il mandato di valutare le procedure da seguire a garanzia della correttezza dei processi. Questi i fatti, che purtroppo continuano a non essere considerati''.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari