mercoledì 22 febbraio | 17:20
pubblicato il 09/apr/2014 20:25

Pirelli: nessun impatto da conversione prestito Prelios

(ASCA) - Roma, 9 apr 2014 - La conversione in azioni del prestito obbligazionario di Prelios non avra' impatto sulla posizione finanziaria di Pirelli. Lo afferma Pirelli in una nota spiegando che ''eventuali effetti derivanti dalla conversione saranno contabilizzati nella semestrale 2014, senza alcun impatto sulla posizione finanziaria netta''.

In occasione del bilancio al 31 dicembre 2013, precisa Pirelli, il valore nominale del Convertendo era stato adeguato a fair value a tale data a 104,1 milioni di euro, con una rettifica a conto economico pari a 44,3 milioni.

''Pirelli - conclude la nota - ribadisce la propria strategia di focalizzazione sul core business pneumatici e, come gia' annunciato al mercato in altre occasioni, di non essere pertanto un investitore di lungo termine nel settore 'real estate': come tale, potra' cogliere le opportunita' che si presentassero sul mercato per valorizzare la propria partecipazione, tenuto conto degli accordi esistenti tra i soci di Fenice''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Intesa Sp
Intesa Sp, Gros-Pietro: Generali non ha chiesto ingresso in Cda
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
De Caro, alta velocità Brescia-Verona a marzo ok da Cipe