sabato 03 dicembre | 19:14
pubblicato il 27/mar/2014 18:12

Pirelli: conferma target 2014 con Ebit a 850 mln

(ASCA) - Roma, 27 mar 2014 - Pirelli conferma i target per l'anno 2014 annunciati nel novembre scorso. In dettaglio un risultato operativo a 850 milioni di euro dopo oneri di ristrutturazione pari a 50 milioni di euro; investimenti inferiori a 400 milioni di euro e generazione di cassa ante dividendi superiore a 250 milioni di euro. La posizione finanziaria netta passiva si attestera' a 1,2 miliardi di euro mentre il fatturato consolidato e' previsto pari a circa 6,2 miliardi di euro (rispetto al precedente target di circa 6,6 miliardi di euro) essenzialmente per un piu' cauto scenario dei cambi, previsti a -9%/-10% rispetto al precedente target di -2%/-3%.

''In termini organici, cioe' escludendo l'effetto cambi, la crescita dei ricavi si attesta a >+9%/+10% rispetto alla precedente ipotesi di >+8%/+9% a fronte di volumi superiori al +5% (in linea con il precedente target) ma con maggior apporto della componente Premium (crescita superiore al +14% rispetto al precedente target pari a circa il +12%).

Invariate le stime di sviluppo per i volumi Consumer (>+6%) ed Industrial (tra +4% e +4,5%); price/mix in miglioramento al +4%/+5% (+3%/+4% il precedente target).

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari