lunedì 05 dicembre | 03:44
pubblicato il 27/ago/2013 18:39

Pirelli: accordo con brasiliana Campneus per pneumatici Abouchar

(ASCA) - Roma, 27 ago - Pirelli, Gruppo Comolatti - attraverso la societa' Distribuitora Automotiva, proprietaria della rete di vendita di penumatici Abouchar - e Campneus hanno firmato un accordo preliminare per l'integrazione dei punti di vendita Abouchar con la rete Pirelli Pneuac.

Con questo accordo, informa una nota, Pneuac, che nel 2012 aveva acquistato il controllo di Campneus, ha l'obiettivo di superare nel 2014 un fatturato di 1,3 miliardi di Reais (circa 400 milioni di euro). L'operazione ha l'obiettivo di rafforzare la leadership di mercato di Pirelli in Brasile attraverso un maggiore controllo diretto della rete commerciale, cosi' come gia' definito nella strategia e negli obiettivi dell'ultimo piano industriale del gruppo. Con questa iniziativa, Pirelli si focalizzera' nelle aree a maggior crescita del segmento Premium, rafforzando la relazione con il consumatore finale e aumentando il numero di punti di vendita Pneuac da 104 a 133.

Con questo accordo, Distribuidora Automotiva acquistera' da Pirelli quote di Pneuac, oltre che conferire a Pneuac i punti di vendita Abouchar. Alla conclusione dell'operazione, Pirelli, Distribuidora Automotiva e la famiglia Faria da Silva, socio minoritario di Campneus, saranno rappresentate nel capitale sociale della nuova Pneuac, in cui Pirelli manterra' la maggioranza e Ivo Giunti Yoshioka, responsabile di Pneuac per Pirelli dal 2009, assumera' il ruolo di Ceo.

Fondata nel 1927 e acquisita nel 1981 dal Gruppo Comolatti, Abouchar e' un dei principali rivenditori della rete ufficiale di vendita di Pirelli in Brasile, che possiede approssimativamente 600 punti di vendita in tutto il Paese.

Con 29 punti di vendita e 9 centri di distribuzione localizzati negli stati di Sao Paulo, Minas Gerais, Pernambuco, Bahia, Espirito Santo, Parana', Santa Catarina e Rio Grande do Sul, Abouchar commercializza l'intera gamma di pneumatici, oltre a prestare diversi servizi automobilistici, e continuera' a mantenere lo stesso nome alla conclusione dell'operazione.

L'accordo sara' sottoposto all'approvazione del Cade, il Conselho Administrativo de Defesa Economica brasiliano.

com-fch/sam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari