mercoledì 25 gennaio | 03:17
pubblicato il 05/ago/2011 17:17

Pil/ Italia ferma: crescita debole, cala produzione industriale

Commercianti: decisioni coraggiose. Consumatori: rivedere manovra

Pil/ Italia ferma: crescita debole, cala produzione industriale

Roma, 5 ago. (askanews) - L'economia italiana non arretra ma non dà quei segni di ripresa che sarebbero necessari per uscire dalla crisi e togliere ossigeno alla speculazione che sta prendendo di mira i nostri titoli pubblici. La conferma arriva dai dati su pil e produzione industriale diffusi oggi dall'Istat che fotografano una situazione che l'economista Giulio Sapelli definisce di "stagnazione": considerazione condivisa da Confcommercio e Confesercenti che parlano di "economia ferma". Nel secondo trimestre dell'anno il pil è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dello 0,8% rispetto al secondo trimestre 2010 mentre nel primo trimestre del 2011 si era registrato un incremento congiunturale dello 0,1% e tendenziale dell'1%. Più negative le indicazioni arrivate dal fronte della produzione industriale che a giugno ha proseguito la frenata con una frenata dello 0,6% rispetto a maggio mentre, sul giugno 2010 ha registrato un incremento dello 0,2%. Nel secondo trimestre 2011 l'indice è invece aumentato dell'1,5% rispetto al trimestre immediatamente precedente. E per i prossimi mesi le previsioni sono tutt'altro che positive: il Centro studi di Confindustria stima infatti a luglio una riduzione della produzione industriale dello 0,4% su giugno. Secondo Sapelli, "dal 2007, siamo entrati in una grande depressione profonda. Siamo in una crisi profonda e alla fine dell'abisso ci aspetta una grande stagnazione come in Giappone da 15 anni". Per uscirne, spiega, "tagliare le tasse e alzare l'età pensionabile". Sulla stessa linea Confcommercio secondo il quale il dato Istat sul Pil dimostra che "la nostra economia è drammaticamente ferma. Infatti il tenue incremento congiunturale dello 0,3% nel secondo trimestre non può essere considerato sufficiente a riavviare lo sviluppo". Non difforme è l'analisi della Confesercenti che osserva come il pil "al rallentatore segnala che alla turbolenza sui mercati si affianca un'economia reale in difficoltà. In entrambi i casi è fortemente dannoso il clima di incertezza e la mancanza di decisioni coraggiose e rapide". Per uscire dalla stagnazione, infine, Federconsumatori e Adusbef chiedono "un urgente, deciso e drastico cambio di rotta" prevedendo una "manovra all'insegna dell'equità e della responsabilità, per impedire un'ulteriore contrazione del mercato che avrebbe effetti fatali sull'economia del nostro Paese".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Generali
Generali, il mercato scommette sulla scalata di Intesa Sanpaolo
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4