lunedì 23 gennaio | 20:18
pubblicato il 05/dic/2015 17:43

Pil, Istat: dato 2015 è +0,8% considerando giorni lavorativi

Stima +0,7% depurata e non confrontabile con previsioni governo

Roma, 5 dic. (askanews) - La previsione di una crescita del Pil dello 0,7% per il 2015 è depurata dagli effetti di calendario e quindi non confrontabile con quella di +0,9% formulata dal governo. Lo precisa l'Istat spiegando che il dato grezzo della crescita del prodotto interno lordo di quest'anno è di +0,8% per i tre giorni lavorativi in più rispetto al 2014.

In una nota l'Istituto di statistica precisa che: "Come indicato nella Nota diffusa ieri dall'Istat la previsione della variazione del Pil nel quarto trimestre 2015 e' calcolata su dati depurati degli effetti stagionali e di calendario (questo ultimo definito anche effetto del numero di giorni lavorativi)".

"Per tale motivo - prosegue l'Istat - la stima di una crescita media annua dello 0,7% nel 2015 non e' immediatamente confrontabile con la previsione formulata dal governo, pari a +0,9%, come invece messo in evidenza dalla stampa di oggi".

"La stima consuntiva della variazione del Pil annuale nel 2015 - si ricorda nella nota - sara' diffusa dall'Istat il prossimo 1 marzo. Tale stima e' compilata considerando gli aggregati effettivi, indipendentemente dal diverso numero di giorni lavorativi presenti nell'anno. In altri termini, essa non e' corretta per gli effetti di calendario. In particolare, un numero di giorni lavorativi maggiore (nel 2015 se ne riscontrano 3 in piu' rispetto al 2014) ha un impatto positivo sul Pil".

Quindi, prosegue ancora l'Istituto, "sulla base delle regolarita' empiriche registrate in serie storica si puo' stimare che 3 giorni in piu' abbiano un effetto al rialzo dell'ordine di +0,1 punti percentuali. Da questo punto di vista, si puo' considerare che la previsione, diffusa ieri, di una crescita annua dello 0,7% riferita ai dati trimestrali equivarrebbe a una stima dello 0,8% in termini di variazione Pil annuale non corretto per gli effetti calendario detto PIL grezzo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Lavoro
Confindustria: dal 2014 occupazione cresce ma si ferma a metà 2016
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4