lunedì 05 dicembre | 10:12
pubblicato il 30/dic/2014 17:34

Pil, Istat: da calo petrolio nessun effetto su crescita in 2015

"Ci saranno invece effetti marcati sull'andamento dei prezzi"

Pil, Istat: da calo petrolio nessun effetto su crescita in 2015

Roma, 30 dic. (askanews) - Il forte calo del prezzo del petrolio non avrà un impatto significativo sulla crescita dell'economia italiana nel 2015. Lo sostiene l'Istat nella nota mensile sull'andamento dell'economia. In base a una simulazione, "la caduta del prezzo del petrolio produrrebbe un limitato effetto espansivo. Per l'area euro sarebbe stimato pari a 0,1 e 0,3 decimi di punto, rispettivamente, nel 2015 e 2016. Nel 2015, l'impatto sarebbe nullo in Italia e Germania e pari a un decimo di punto in Francia e Spagna". Nel 2016, "l'effetto positivo varierebbe tra un decimo in Germania e 3 decimi in Francia".

I risultati della simulazione, aggiunge l'istituto di statistica, "mostrano effetti sull'andamento dei prezzi piuttosto marcati. Per l'area euro, la spinta disinflazionistica derivante dalla importazione dei prodotti energetici peserebbe sull'andamento dei prezzi al consumo già nella media del 2015 (per quattro decimi di punto rispetto allo scenario base), per poi quasi raddoppiare l'anno successivo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari