mercoledì 22 febbraio | 05:09
pubblicato il 14/nov/2013 12:54

Pil: economisti, svolta positiva nel 4* trim, ma ritmo troppo lento

(ASCA) - Roma, 14 nov - Pil tricolore ancora sottozero. La stima preliminare dell'Istat relativa al 3* trimestre con una contrazione congiunturale pari a -0,1% ed annuale pari a -1,9%. Numeri sostanzialmente in linea con il consensus degli economisti che segnalano una frenata della dinamica recessiva rispetto al trimestre precedente, quando la contrazione del Pil era stata pari a -0,3% su base congiunturale e -2,2% su base annuale. Un miglioramento che avvicina l'economia del paese ''a un punto di svolta'', scrivono Loredana Federico e Chiara Corsa, economiste di Unicredit, per un ''ritorno alla crescita positiva nell'ultimo trimestre dell'anno''.

Della stessa opinione Violante di Canossa, economista di Credit Suisse, ''nonostante la nona contrazione consecutiva del Pil, ci aspettiamo che l'Italia esca dalla recessione nel 4* trimestre''. A sostenere questa previsione ci sono soprattutto gli indicatori anticipatori del ciclo, come i sondaggi condotti tra i manager responsabili degli acquisti delle imprese con il relativo indice che, negli ultimi mesi, si e' riportato sopra il livello di 50 punti, la soglia che separa le fasi di espansione economica da quelle di contrazione.

''Il Pil del terzo trimestre conferma l'esaurimento della recessione'' spiega Sergio De Nardis, capo economista di Nomisma, ''la ripresa avra' un ritmo lento, insufficiente per produrre miglioramenti che possano ripercuotersi sul mercato del lavoro''.

Per analizzare la dinamica delle singole componenti del Pil del terzo trimestre bisognera' attendere la pubblicazione dei dati disaggregati, la stima preliminare comprende infatti solo il dato aggregato.

''Le nostre aspettative sono per un contributo positivo delle esportazioni nette, mentre dovrebbe essere confermata la debolezza della domanda interna,. Anche gli investimenti potrebbero essersi contratti seppure a un ritmo inferiore'', spiegano Corsa e Federico.

''E la manifattura che traina grazie agli ordini esteri'', spiega De Nardis, ma la strada per recuperare quanto bruciato dalla crisi economica resta lunga, ''avremmo bisogno di una crescita del 2,5% per recuperare in tempi ragionevoli, nel 2018, i livelli di benessere pre-crisi ''.

men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia