martedì 21 febbraio | 13:15
pubblicato il 15/set/2011 11:07

Pil/ Csc taglia stime, +0,7% nel 2011, crolla a +0,2% nel 2012

Economia frenata da impatto manovre correttive

Pil/ Csc taglia stime, +0,7% nel 2011, crolla a +0,2% nel 2012

Roma, 15 set. (askanews) - Il Pil italiano si attesterà allo 0,7% nel 2011 per poi crollare al +0,2% nel 2012. Sull'anno prossimo, infatti, "incidono gli effetti di tre manovre per complessivi 38,4 miliardi". A prevederlo è il Centro Studi di Confindustria che ha rivisto in peggio le stime precedentemente diffuse. A giugno, infatti, il Csc aveva previsto una crescita dello 0,9% quest'anno e dell'1,1% nel 2012. Ma "il cambiamento del quadro internazionale e di quello interno hanno portato il Csc - spiega il direttore Luca Paolazzi - a rivedere in peggio le previsioni". Il Governo nel Def di aprile ha previsto, invece, un pil all'1,1% nel 2011, all'1,3% nel 2012 e all'1,5% nel 2013. Ma per il centrostudi di Confindustria, l'incedere dell'economia italiana "e' frenato dall'impatto delle manovre correttive, indispensabile e senza alternative per raddrizzare rapidamente i conti pubblici".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia