lunedì 23 gennaio | 07:52
pubblicato il 14/feb/2014 11:56

Pil: Confcommercio, l'Italia non e' fuori dalla recessione

(ASCA) - Roma, 14 feb 2014 - Il dato sul Pil dell'Italia nel 2013, in contrazione dell'1,9% risulta peggiore delle attese e indica che il nostro paese non e' fuori dalla recessione.

Questo il commento dell'Ufficio Studi di Confcommercio alla stima preliminare del Pil nell'ultimo trimestre 2013 diffusa oggi dall'Istat.

''E' un dato che denota una pallidissima crescita congiunturale di un decimo di punto - spiega la Confcommercio -, che porta a -1,9% la flessione del Pil reale su base annua in confronto al 2012, e che deve ritenersi peggiore delle attese rispetto alle valutazioni dei principali istituti di ricerca''.

''L'Italia e' pertanto molto, troppo lontana, dagli incrementi congiunturali dello 0,7-0,8% di Usa e Regno Unito, paesi tornati su un sentiero di crescita che esce dalle statistiche per beneficiare realmente famiglie e imprese - prosegue Confcommercio -. Sulla base delle piu' recenti indicazioni congiunturali non si puo' affermare che il nostro paese sia fuori dalla profonda recessione in cui annaspa da oltre un quinquennio, con effetti dirompenti sui livelli occupazionali, sul tenore di vita delle famiglie e sulla capacita' di sopravvivenza delle imprese, complice una pressione fiscale insostenibile figlia di una spesa pubblica pari a meta' del Pil''.

''Anche i dati odierni di Banca d'Italia - sottolinea l'Ufficio studi - certificano la gravita' della situazione.

Il debito pubblico e' sempre crescente nel confronto con lo scorso anno e la riduzione del valore nominale di dicembre rispetto a novembre rispetta la regolarita' stagionale dovuta alla cadenza delle aste dei titoli. In rapporto al Pil supera ormai abbondantemente il 132%. Stupiscono, dunque, i toni perentori del documento Impegno Italia nel quale si rivendicano all'azione di Governo nel 2013 le riduzioni di tasse, debito, deficit e spread''.

''E' necessario - conclude la nota - agire da subito su quattro fronti caldi: semplificazione, lavoro, credito e fisco. Partendo proprio dal fisco, il prossimo Governo potrebbe intraprendere un percorso di riduzione equilibrata del carico fiscale, trasformando automaticamente una frazione rilevante delle maggiori risorse derivanti dalla lotta all'evasione e all'elusione in minori imposte attraverso una coerente riduzione delle aliquote Irpef''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4