venerdì 20 gennaio | 19:04
pubblicato il 15/mag/2014 16:28

Pil: Cgil, da austerita' ancora effetti depressivi. Costruire ripresa

(ASCA) - Roma, 15 mag 2014 - ''I dati di oggi confermano purtroppo che non e' possibile l'ottimismo a buon mercato.

Gli effetti depressivi delle politiche d'austerita', in buona parte dei paesi d'Europa cosi' come in Italia, sono come sosteniamo da tempo ancora molto significativi''. E' quanto si legge in una nota della Cgil in merito ai dati sul Pil diffusi oggi dall'Istat.

''La ripresa non e' iniziata e il vero problema di politica economica e' quello di costruire la ripresa. Come la Cgil dice da tempo, attraverso il suo Piano del Lavoro, e la Ces col Piano di investimenti europei, non ci si puo' limitare ad una politica di incentivazione delle imprese e dei mercati, ci vuole una politica pubblica di creazione di nuovo lavoro, in particolare verso i giovani e i nuovi settori, quelli dei beni comuni e dell'innovazione tecnologica'', conclude la Cgil.

red-glr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4