mercoledì 22 febbraio | 10:27
pubblicato il 15/mag/2014 16:31

Pil: Centrella, da dati Istat pessimo segnale ma non ci stupisce

(ASCA) - Roma, 15 mag 2014 - ''Non c'e' da stupirsi se il pil nel primo trimestre del 2014 e' piombato ai livelli minimi del 2000''. Cosi' Giovanni Centrella, segretario generale dell'Ugl, commenta i dati dalle serie storiche dell'Istat.

''Tra delocalizzazioni, crisi aziendali, tagli alla spesa pubblica, aumento delle tasse e disoccupazione - aggiunge il sindacalista - il motore dell'Italia si e' fermato, dando il via ad una pericolosa desertificazione industriale''.

Per Centrella ''ci vuole molto di piu' di un regalo in busta paga, se arrivera' e se non se ne pretendera' l'implicita restituzione, o una pericolosa deregolamentazione del lavoro per far ripartire un intero sistema al collasso.

Occorrono valide idee, investimenti e soprattutto la condivisione tra istituzioni e societa' civile di un grande obiettivo che sia realmente orientato al bene dell'intero Paese''.

red-glr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%