martedì 28 febbraio | 16:03
pubblicato il 01/lug/2014 12:55

Pil: Angeletti, se non sale domanda interna non usciamo da impasse

(ASCA) - Torino, 1 lug - Il peggioramento delle stime sul Pil sono ''un dato preoccupante. Non riusciamo a uscire dall'impasse in cui ci troviamo. D'altronde fino a quando non aumentera' la domanda interna e' veramente difficile che si possa avere un aumento significativo del pil che per l'80% e' fatto dalla domanda interna''. Lo ha detto il leader della Uil, Luigi Angeletti, a margine del X Congresso Uil Piemonte.

Quanto al clima di fiducia, Angeletti ha osservato che ci sara' ''quando cominceremo a vedere non promesse ma investimenti veri e possibilmente dall'estero. Quando ci sara' qualcuno che mettera' qualche miliardo di euro in Italia quello sara' il segno positivo''.

eg/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit può costare cara all'Italia sul contibuto al bilancio Ue
Inflazione
L'inflazione accelera, a febbraio all'1,5% ai massimi da 4 anni
Taxi
Taxi, Cgia Mestre: in Italia i costi di gestione più alti dell'Ue
Generali
Generali, Donnet: le prospettive sui conti vanno benissimo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech