venerdì 24 febbraio | 05:26
pubblicato il 05/giu/2015 17:41

Piazza Affari chiude in profondo rosso (-2,1%), timori Grecia

Forti vendite sui titoli bancari. Lo spread sale a 140 punti

Piazza Affari chiude in profondo rosso (-2,1%), timori Grecia

Milano, 5 giu. (askanews) - Chiusura in profondo rosso per Piazza Affari, tra le peggiori Borse oggi in Europa, nervose in scia alle tensioni sulla Grecia, con le parti che restano ancora distanti, allontanando così nuovamente la possibilità di giungere a un accordo. A Milano l'indice principale Ftse Mib ha lasciato sul terreno il 2,1% scendendo sotto la soglia dei 23mila punti, a 22.847.

Tra le blue chip tonfo per Mediaset (-4,47%), Mediolanum (-3,82%), Ubi (-3,54%), Mediobanca (-3,49%) e Fca (-3,33%). Sul listino completo affonda Banca Carige (-11% a 5,605 euro) dopo la pubblicazione delle condizioni dell'aumento di capitale da 850 milioni, fortemente diluitivo.

Sul mercato obbligazionario si è allargato fino a quota 140 punti lo spread tra Btp e Bund decennali, con il rendimento del titolo italiano al 2,2%.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech