mercoledì 22 febbraio | 05:41
pubblicato il 13/apr/2011 17:30

Piano riforme/ Tremonti: Nessuna manovra lacrime e sangue

"Garantita tenuta conti, andamento entrate in linea"

Piano riforme/ Tremonti: Nessuna manovra lacrime e sangue

Roma, 13 apr. (askanews) - Il governo ha l'obiettivo di arrivare al pareggio di bilancio nel 2014-2015 e "in base a questo dovremo fare calcoli". Tuttavia, "abbiamo emergenze e urgenze" ed è "escluso in ogni caso" un intervento lacrime e sangue. Lo ha detto il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, ribadendo che nei prossimi mesi arriveranno provvedimenti che si muovono nel sentiro del pareggio di bilancio già tracciato. "La tenuta complessiva è garantita e l'andamento delle entrate quadra", ha aggiunto. "Stiamo lavorando a un'azione sullo sviluppo a costo zero - ha proseguito - ma con effetti molto forti". "Non abbiamo nessuna emergenza o urgenza" ha risposto Tremonti, a chi gli chiedeva se sono in arrivo manovre correttive nei prossimi mesi. "Chi ha una visione della necessità di un intervento sul 2011 - ha aggiunto - ha una visione lievemente pessimistica".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Taxi
Taxi, Nencini: sindacati d'accordo per sospendere proteste
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia