domenica 11 dicembre | 13:48
pubblicato il 13/mar/2014 12:37

Piano casa: Fimaa Confcommercio promuove misure governo

(ASCA) - Roma, 13 mar 2014 - ''Siamo soddisfatti del Piano casa di 1,7 miliardi approvato dal Consiglio dei Ministri di ieri e presentato subito dopo in conferenza stampa dal Premier Matteo Renzi''. E' quanto afferma Valerio Angeletti, presidente di Fimaa Italia/Confcommercio. ''Il passaggio sulla cedolare secca, social housing, mutui agevolati per le giovani coppie, bonus ristrutturazioni e Irpef - afferma - rappresenta un buon punto di inizio per affrontare il problema della fiscalita' sulla casa e il rilancio del comparto immobiliare. Il decreto Lupi non sara' di certo la soluzione ai problemi della tensione abitativa e del rilancio dell'immobiliare in Italia, ma rappresenta un passo importante che, dopo anni di totale disinteresse, prova almeno a ricreare le basi di una nuova politica della casa.

Politica che per la #svoltabuona necessita pero' di segnali piu' forti e di interventi ampliativi e migliorativi come la riduzione del peso fiscale per gli immobili commerciali non a reddito''.

''Per quanto riguarda le politiche a favore del social housing, l'agevolazione dei mutui per le giovani coppie (plafond casa) e i fondi di sostegno all'affitto e a quanti non riescono a pagare il canone di locazione perche' hanno perso il lavoro, i cosiddetti morosi incolpevoli, - continua il numero uno di FIMAA Angeletti - il Governo ha recepito le proposte che abbiamo avanzato lo scorso mese incontrando i rappresentati del settore economico del partito di maggioranza. L'emergenza abitativa - afferma Angeletti - rappresenta per la nostra Associazione un vulnus da sanare.

Il nostro e' un Paese che conta decine di migliaia di alloggi popolari vuoti o che non producono alcun reddito per gli enti proprietari in citta' dalla alta densita' abitativa come Roma, Napoli, Milano e Torino. Dove si viene sfrattati perche' non si riesce a pagare la rata del mutuo o l'affitto.

Dove l'edilizia popolare e' a rischio dissoluzione tra scandali, cattiva gestione e mancanza di fondi. Un Paese dove, a causa di una crisi economica senza precedenti, si perde il lavoro, non si pagano le rate dei mutui, gli affitti o i debiti e, alla fine, si perde anche la casa. Ecco perche' - conclude il Presidente Nazionale FIMAA Angeletti - ci auguriamo che il piano di riqualificazione degli alloggi popolari e tutti gli strumenti indicati nel Piano casa vengano portati a regime al piu' presto e senza ritardi inopportuni. Il Paese ha fretta di crescere. Il comparto dell'immobiliare pure''.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina