lunedì 05 dicembre | 18:21
pubblicato il 06/mar/2015 18:18

Piano Bce schiaccia euro sotto 1,09 dollari, prima volta dal 2003

Continua a pesare manovra acquisti titoli di Stato

Piano Bce schiaccia euro sotto 1,09 dollari, prima volta dal 2003

Roma, 6 mar. (askanews) - Non si arresta la caduta dell'euro.

Dopo esser finito sotto quota 1,10 sul dollaro, sul finale di settimana la valuta condivisa prosegue la discesa anche sotto 1,09. E' la prima volta dal settembre del 2003 e a pesare è sempre l'imminente avvio del piano di acquisti di titoli di Stato della Bce.

Scatta lunedì 9 marzo. L'istituzione monetaria vuole rivitalizzare crescita e inflazione, con una manovra da 60 miliardi di euro al mese. Dato che conta di portarla avanti almeno fino a settembre 2016, dovrebbe superare la fatidica soglia dei 1.000 miliardi di euro. E in prospettiva tende a moderare la valuta di riferimento, in questo caso l'euro.

Il dollaro americano all'opposto è sostenuto dalla prospettiva di future strette della Fed. E dai continui dati positivi che giungono dagli Usa: a febbraio sono stati creati quasi 300 mila nuovi posti di lavoro oltre Atlantico.

Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari