martedì 06 dicembre | 07:28
pubblicato il 14/feb/2013 18:24

P.I.: Cisl, fissato calendario incontri. Ora subito contratti quadro

(ASCA) - Roma, 14 feb - E' stato fissato oggi all'Aran il calendario degli incontri con le sigle sindacali per definire i due contratti quadro sulla gestione dei contratti a tempo determinato e sulle nuove relazioni sindacali nel pubblico impiego. Si partira' il 28 febbraio con il primo tavolo e il 6 marzo prossimo con il secondo.

La Cisl, in un comunicato, esprime soddisfazione per l'esito della riunione di oggi e manifesta piena disponibilita' rispetto all'iter negoziale proposto dall'Aran. Abbiamo ottenuto date certe e ravvicinate per proseguire la discussione, ora l'impegno di tutti deve andare verso la definizione degli accordi.

In una fase in cui per i lavoratori pubblici e' bloccata la contrattazione nazionale, dopo la riforma del d.lgs.

150/09, il decreto sulla spending review e la legge di stabilita', e' necessario fare chiarezza sulle norme che regolano il lavoro pubblico: sia per calare nella realta' dei posti di lavoro le nuove regole, sia per favorire l'accesso e la stabilizzazione di giovani qualificati nella pubblica amministrazione, nel quadro di una riorganizzazione complessiva degli enti.

Occorre dare piena attuazione alle intese del 4 febbraio 2011 e del 3 maggio 2012, fortemente volute dalla Cisl, e rendere concreti gli strumenti di partecipazione dei lavoratori pubblici, riportando nell'ambito delle relazioni sindacali l'organizzazione del lavoro, la produttivita' dei servizi, la gestione dei processi di riorganizzazione, mobilita', qualificazione e formazione del personale; oltre all'attenzione che il tavolo dovra' dedicare ad alcune tematiche specifiche del comparto scuola. Ma anche governando le forme flessibili di lavoro pubblico, con regole e opportunita' chiare, che escludano la trasformazione della flessibilita' in precariato.

Per questo chiediamo che, con il nuovo governo, si proceda speditamente verso la definizione dei due contratti nazionali quadro. Visto che gli atti di indirizzo, che oggi l'Aran ha reso pubblici, sono gia' stati approvati e recepiti. I ccnq sono infatti indispensabili per rilanciare il cambiamento nella Pa, con piu' qualita' ed efficienza nei servizi ai cittadini e piu' riconoscimento professionale dei lavoratori.

com/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Casa
Ag. Entrate: mercato immobiliare in rialzo, nel III trim. +17,8%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari