lunedì 27 febbraio | 06:25
pubblicato il 14/feb/2013 18:24

P.I.: Cisl, fissato calendario incontri. Ora subito contratti quadro

(ASCA) - Roma, 14 feb - E' stato fissato oggi all'Aran il calendario degli incontri con le sigle sindacali per definire i due contratti quadro sulla gestione dei contratti a tempo determinato e sulle nuove relazioni sindacali nel pubblico impiego. Si partira' il 28 febbraio con il primo tavolo e il 6 marzo prossimo con il secondo.

La Cisl, in un comunicato, esprime soddisfazione per l'esito della riunione di oggi e manifesta piena disponibilita' rispetto all'iter negoziale proposto dall'Aran. Abbiamo ottenuto date certe e ravvicinate per proseguire la discussione, ora l'impegno di tutti deve andare verso la definizione degli accordi.

In una fase in cui per i lavoratori pubblici e' bloccata la contrattazione nazionale, dopo la riforma del d.lgs.

150/09, il decreto sulla spending review e la legge di stabilita', e' necessario fare chiarezza sulle norme che regolano il lavoro pubblico: sia per calare nella realta' dei posti di lavoro le nuove regole, sia per favorire l'accesso e la stabilizzazione di giovani qualificati nella pubblica amministrazione, nel quadro di una riorganizzazione complessiva degli enti.

Occorre dare piena attuazione alle intese del 4 febbraio 2011 e del 3 maggio 2012, fortemente volute dalla Cisl, e rendere concreti gli strumenti di partecipazione dei lavoratori pubblici, riportando nell'ambito delle relazioni sindacali l'organizzazione del lavoro, la produttivita' dei servizi, la gestione dei processi di riorganizzazione, mobilita', qualificazione e formazione del personale; oltre all'attenzione che il tavolo dovra' dedicare ad alcune tematiche specifiche del comparto scuola. Ma anche governando le forme flessibili di lavoro pubblico, con regole e opportunita' chiare, che escludano la trasformazione della flessibilita' in precariato.

Per questo chiediamo che, con il nuovo governo, si proceda speditamente verso la definizione dei due contratti nazionali quadro. Visto che gli atti di indirizzo, che oggi l'Aran ha reso pubblici, sono gia' stati approvati e recepiti. I ccnq sono infatti indispensabili per rilanciare il cambiamento nella Pa, con piu' qualita' ed efficienza nei servizi ai cittadini e piu' riconoscimento professionale dei lavoratori.

com/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech