domenica 04 dicembre | 19:38
pubblicato il 12/gen/2015 13:35

Petrolio torna a calare, Brent sotto 48 dollari Wti quasi sotto 47

Goldam Sachs taglia previsioni, è solo l'ultima di lunga lista

Petrolio torna a calare, Brent sotto 48 dollari Wti quasi sotto 47

Roma, 12 gen. (askanews) - Tornano a cadere le quotazioni del petrolio in avvio di settimana, con il barile che segna nuovi minimi pluriennali mentre permane una generalizzata valutazione di sovra approvvigionamento dei mercati. A Londra il Brent, il greggio di riferimento del mare del Nord, ha segnato un minimo di seduta a 48,45 dollari, successivamente si attesta in calo di 1,38 dollari rispetto alla chiusura di venerdì, a 48,73 dollari.

Negli scambi di preapertura sul Nymex, il barile di West Texas Intermediate cala di 1,22 dollari a 47,14, dopo un minimo a 47,06 dollari. In entrambi i casi si tratta di nuovi minimi dall'aprile del 2009.

In questi giorni la banca d'affari Goldman Sachs è stata l'ennesima a sfornare una pesante revisione al ribasso sui prezzi previsti. Ora stima che sulla media 2015 il Brent si attesti a circa 50 dollari, laddove in precedenza lo indicava oltre quota 80 dollari. Il tutto mentre da mesi l'oro nero subisce l'effetto combinato di vari fattori strutturali, dall'aumento di produzione legato a nuove tecnologie alla debolezza dei consumi dovuta ai rallentamenti della crescita in Cina ed Europa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari