giovedì 19 gennaio | 12:42
pubblicato il 14/ott/2015 11:37

Petrolio, Russia fredda su taglio offerta: "Poco efficiente"

E a Cnbc Novak scarica colpe di eccesso produzione su e Usa

Petrolio, Russia fredda su taglio offerta: "Poco efficiente"

Roma, 14 ott. (askanews) - La Russia scarica su Opec e Stati Uniti le responsabilità per l'eccesso di offerta sui mercati del petrolio, il fattore che ha pesantemente contribuito alla caduta dei prezzi degli ultimi mesi. E in una intervista a Cnbc, pur dicendosi disponibile al dialogo, il ministro Alexander Novak non lascia presagire grandi possibilità ad una ipotetica manovra comune di restrizione all'offerta, volta a sostenere le quotazioni.

"Per quanto concerne la Federazione Russa - ha detto - non pensiamo che un aggiustamento (della produzione-ndr) sia un sistema efficiente, perché è solo un provvedimento di breve termine che in futuro si tradurrebbe in un maggiore squilibrio del mercato petrolifero".

In merito alle ipotesi di una bilaterale con l'Arabia Saudita, il paese capofila del cartello degli esportatori dell'Opec, Novak ha espresso disponibilità al dialogo, "sicuramente parleremo molto di mercato, di offerta e di produzione". Ma facendo capire che ad oggi queste discussioni sono state inconcludenti: "vanno avanti da quasi un anno".

L'eccesso di offerta permane e secondo il ministro russo questo deriva essenzialmente dall'ingresso sul mercato della nuova produzione nord americana, legata a nuove tecniche estrattive, e di un aumento anche da parte dei paesi Opec. La Russia per parte sua ha mantenuto sostanzialmente invariata la sua quota di mercato, ha detto Novak, che ha negato qualunque secondo fine da parte di Mosca di mettere fuori mercato le nuove forme estrattive usate in Nord America, che sono più costose.

Nel frattempo le quotazioni risultano poco mosse. Il barile di Brent, il greggio di riferimento del mare del Nord cede 17 cents rispetto alla chiusura di ieri, a 49,07 dollari. Il barile di West Texas Intermediate cala di 7 cents a 46,59 dollari.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Valute
Effetto Trump sul dollaro, vicino ai minimi di due mesi con yen
Netflix
Netflix, record di abbonati nel 4 trimestre, anche fuori dagli Usa
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio, Vega si prepara al primo lancio dell'anno con Sentinel-2B
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina