lunedì 20 febbraio | 09:46
pubblicato il 21/nov/2014 17:35

Petrolio risale sopra 80 dollari dopo segnali Bce e misure Cina

Prossima settimana vertice Opec, stretta rubinetti non scontata

Petrolio risale sopra 80 dollari dopo segnali Bce e misure Cina

Roma, 21 nov. (askanews) - Il barile di petrolio Brent risale sopra quota 80 dollari dopo quasi 10 giorni, a riflesso dell'effetto combinato del rafforzamento di segnali espansivi dalla Bce, delle concrete misure di stimolo adottate dalla Banca centrale di Cina e delle ipotesi di una qualche reazione dell'Opec alle recenti cadute dei prezzi.

La prossima settimana il cartello dei paesi esportatori si riunirà al quartier generale di Vienna, ma dopo settimane di segnali di dissenso una reazione concorde non è scontata, anzi.

Nel pomeriggio il barile di Brent, il greggio di riferimento del mare del Nord si attesta a 80,01 dollari, 68 cents in più rispetto alla chiusura di ieri. A New York il West Texas Intermediate sale di 28 cents a 76,13 dollari al barile.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia