giovedì 08 dicembre | 15:57
pubblicato il 21/nov/2014 17:35

Petrolio risale sopra 80 dollari dopo segnali Bce e misure Cina

Prossima settimana vertice Opec, stretta rubinetti non scontata

Petrolio risale sopra 80 dollari dopo segnali Bce e misure Cina

Roma, 21 nov. (askanews) - Il barile di petrolio Brent risale sopra quota 80 dollari dopo quasi 10 giorni, a riflesso dell'effetto combinato del rafforzamento di segnali espansivi dalla Bce, delle concrete misure di stimolo adottate dalla Banca centrale di Cina e delle ipotesi di una qualche reazione dell'Opec alle recenti cadute dei prezzi.

La prossima settimana il cartello dei paesi esportatori si riunirà al quartier generale di Vienna, ma dopo settimane di segnali di dissenso una reazione concorde non è scontata, anzi.

Nel pomeriggio il barile di Brent, il greggio di riferimento del mare del Nord si attesta a 80,01 dollari, 68 cents in più rispetto alla chiusura di ieri. A New York il West Texas Intermediate sale di 28 cents a 76,13 dollari al barile.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Al via direttorio della Bce da cui è attesa proroga piano acquisti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni