domenica 22 gennaio | 00:45
pubblicato il 21/nov/2014 17:35

Petrolio risale sopra 80 dollari dopo segnali Bce e misure Cina

Prossima settimana vertice Opec, stretta rubinetti non scontata

Petrolio risale sopra 80 dollari dopo segnali Bce e misure Cina

Roma, 21 nov. (askanews) - Il barile di petrolio Brent risale sopra quota 80 dollari dopo quasi 10 giorni, a riflesso dell'effetto combinato del rafforzamento di segnali espansivi dalla Bce, delle concrete misure di stimolo adottate dalla Banca centrale di Cina e delle ipotesi di una qualche reazione dell'Opec alle recenti cadute dei prezzi.

La prossima settimana il cartello dei paesi esportatori si riunirà al quartier generale di Vienna, ma dopo settimane di segnali di dissenso una reazione concorde non è scontata, anzi.

Nel pomeriggio il barile di Brent, il greggio di riferimento del mare del Nord si attesta a 80,01 dollari, 68 cents in più rispetto alla chiusura di ieri. A New York il West Texas Intermediate sale di 28 cents a 76,13 dollari al barile.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4