martedì 28 febbraio | 14:08
pubblicato il 18/apr/2016 11:29

Petrolio in caduta, supervertice produttori finisce in stallo

Fondi speculativi presi in contropiede, torna faida Ryiad-Teheran

Petrolio in caduta, supervertice produttori finisce in stallo

Roma, 18 apr. (askanews) - Lo si potrebbe ribattezzare "il fiasco di Doha". A sorpresa è fallito l'atteso supervertice dei produttori di petrolio, voluto per formalizzare una intesa sul congelamento dell'offerta ai livelli di gennaio, una manovra che voleva tamponare l'eccesso di produzione che ha fatto precipitare le quotazioni dell'oro nero. Dopo ore di discussioni l'intesa non è stata raggiunta e le riunioni si sono concluse con uno stallo. Secondo alcune ricostruzioni la "colpa" sarebbe del riaccedersi della rivalità tra Arabia Saudita e Iran. La reazione dei mercati in avvio di settimana è stata netta: prezzi in picchiata.

Il barile di Brent, il greggio di riferimento del mare del Nord cala di 1,16 dollari rispetto alla chiusura di venerdì, a 41,94 dollari e dopo un minimo a 40,10. I futures in prima scadenza sul West Texas Intermediate cedono 1,33 dollari, a 39,03 dollari e con un minimo a 37,61.

Inizialmente, le quotazioni sono arrivate a perdere fino al 6 per cento e secondo diverse indiscrezioni di stampa la pioggia di vendite riflette anche la ressa a ricoprirsi di molti fondi speculativi, che avevano piazzato scommesse rialziste sull'oro nero, improvvisamente in pesante perdita.

Fino a pochi giorni fa un esito positivo di questo vertice in Qatar veniva dato sostanzialmente per scontato. I Paesi dell'Opec e gli altri maggiori produttori globali, a cominciare dalla Russia, avrebbero semplicemente dovuto stabilire di non superare la produzione da record raggiunta lo scorso gennaio.

Il fatto che qualcosa avrebbe potuto non filare liscio lo aveva suggerito l'annuncio dell'Iran sulla non partecipazione al vertice. Teheran è da poco tornata ufficialmente sul mercato, con il venir meno delle sanzioni internazionali, e deve ancora far risalire la sua produzione ai livelli pre embargo. Per questo era stato ipotizzato che a sua favore venisse previsto un meccanismo di controllata esenzione.

Evidentemente però un accordo non c'era e nel corso delle discussioni è via via emersa una netta ostilità dell'Arabia Saudita, primo produttore mondiale e storico rivale dell'Iran, sciita, laddove i sauditi sono a maggioranza sunnita. Ora non è chiaro come uscire da questo stallo.

Secondo il Financial Times non è del tutto svanita l'ipotesi di un accordo entro la fine dell'anno. Tuttavia a questo punto l'eventuale manovra di tutti i produttori potrebbe rendere necessaria una decisione unanime preventiva a livello di Opec.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit può costare cara all'Italia sul contibuto al bilancio Ue
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Generali
Generali, Donnet: le prospettive sui conti vanno benissimo
Inflazione
L'inflazione accelera, a febbraio all'1,5% ai massimi da 4 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech