lunedì 05 dicembre | 22:01
pubblicato il 26/gen/2015 13:14

Petrolio, crollo dei prezzi minaccia l'economia del Mare del Nord

Ad Aberdeen i lavoratori del settore tra timori e speranze

Petrolio, crollo dei prezzi minaccia l'economia del Mare del Nord

Aberdeen (askanews) - Aberdeen, la terza città della Scozia, grazie allo sfruttamento dei giacimenti del Mare del Nord è anche la capitale europea del petrolio. Per questo il drammatico crollo dei prezzi del greggio che pare inarrestabile negli ultimi sei mesi minaccia di mettere in pericolo il tessuto sociale ed economico di una città cresciuta quasi esclusivamente all'ombra dell'oro nero.

Il mercato petrolifero produce circa 40 miliardi di euro nelle regione ma il crollo dei prezzi ha provocato la reazione delle maggiori compagnie del settore. BP, Shell e Chevron hanno annunciato centinaia di licenziamenti nelle attività collegate all'estrazione nel Mare del Nord, come ricorda Jake Molley, responsabile di un sindacato di settore.

"Per le migliaia di lavoratori minacciati di licenziamento si tratta di una crisi drammatica. Una crisi che impatta sulle loro vite quando dei lavoratori assunti a tempo indeterminato e con un buon contratto vedono improvvisamente cambiare tutta la loro situazione occupazionale con turnazioni più lunghe, lavori più impegnativi, meno benefit. E ciononostante molti di loro si troveranno comunque disoccupati".

Ma la speranza è l'ultima a morire. L'industria petrolifera, che garantisce salari mediamente due volte e mezza quelli medi di tutta la Gran Bretagna, ha fatto la prosperità di Aberdeen e oggi gli abitanti della città, che nel settembre 2014 hanno votato contro l'indipendenza della Scozia, cercano di rassicurarsi, sperando che i prezzi del greggio possano presto risalire.

"In fondo, è già capitato e sta capitando di nuovo, spiega un operaio impiegato su una piattaforma, dobbiamo solo aspettare che passi e sperare che tutto si risolva. Ci saranno dei licenziamenti ma questo succede nelle attività economiche".

I politici locali hanno chiesto un taglio delle tasse nel settore per ridurre i costi di produzione nel Mare del Nord. Ma non sarà facile. Nel 2013 e nel 2014 gli introiti prodotti dalle tasse sono già calati del 25%, con una perdita di 4,7 miliardi di dollari a causa del taglio della produzione locale.

(Immagini Afp)

Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari