domenica 26 febbraio | 00:37
pubblicato il 11/feb/2016 13:00

Petrolio continua a calare, Wti a 26,34 dollari su minimi dal 2003

Iran e Arabia Saudita si contendono mercato a colpi di ribassi

Petrolio continua a calare, Wti a 26,34 dollari su minimi dal 2003

Roma, 11 feb. (askanews) - I prezzi del petrolio continuano a calare e il barile di West Texas Intermediate si riporta ai minimi segnati a gennaio, poco sopra i 26 dollari ovvero sui valori più bassi dal 2003 a questa parte. Pesano i persistenti timori su crescita e domanda globale, ma in parallelo anche l'irrisolta questione dell'eccesso di offerta che ora anzi vede nuovi sviluppi problematici.

Secondo alcune ricostruzioni di stampa infatti l'Iran avrebbe proposto ad alcuni Paesi asiatici di fornire greggio ad un prezzo più basso di quello praticato dall'Arabia Saudita. Manovre che allontanerebbero ancor più le già flebili ipotesi di una stretta coordinata all'offerta dei paesi Opec con gli esportatori che non fanno parte del cartello.

Il barile di Brent, il greggio di riferimento del mare del Nord cala di 50 cents rispetto alla chiusura di ieri, a 30,34 dollari. Il Wti, su cui pesa anche l'avvicinarsi delle scorte americane ai livelli di saturazione, cala di 1,11 dollari a quota 26,34, vicino ai minimi segnati a gennaio e ai minimi dal 2003.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech