venerdì 09 dicembre | 14:52
pubblicato il 01/set/2014 18:14

Petrolio cala dopo dati su frenata Cina e Ue,Brent sotto 103 usd

Nonostante crescenti tensioni in Ucraina (ASCA) - Roma, 1 set 2014 - Prezzi petroliferi in calo in avvio di settimana, nonostante l'escalation di tensioni in Ucraina con la Russia. I prezzi tuttavia risentono delle indicazioni negative giu8nte dalle indagini sull'attivita' delle imprese, sia dall'Europa che dalla Cina. A Londra il barile di Brent, il greggio di riferimento del mare del Nord cede 51 cents rispetto alla chiusura di venerdi', a 102,68 dollari. Sul New York Mercantile Exchange il barile di West Texas Intermediate cala di9 23 cents a 95,73 dollari.

Voz

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Veronafiere, Usa: le regole import sui vini biologici
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina