mercoledì 22 febbraio | 08:08
pubblicato il 11/dic/2015 11:18

Petrolio, Aie prevdede frenata domanda, Brent sotto 40 dollari

Nel 2016 crescita dei consumi rallenterà

Petrolio, Aie prevdede frenata domanda, Brent sotto 40 dollari

Roma, 11 dic. (askanews) - L'agenzia internazionale per l'energia ha confermato le previsioni di rallentamento della domanda mondiale di petrolio. Sul 2015, afferma l'Aie nel suo rapporto mensile, la crescita della domanda dovrebbe risultare pari a 1,8 milioni di barili al giorno, a quota 94,6 milioni di barili, il prossimo anno invece la crescita si dovrebbe limitare a 1,2 milioni di barili.

Il tutto mentre da moli mesi le quotazioni dell'oro nero subiscono pesanti spinte ribassiste, fino ad esser finite a ridosso dei 40 dollari al barile, a causa dell'eccesso di offerta che tocca i mercati.

A tarda mattina il barile di Brent, il greggio di riferimento del mare del Nord cede 88 cents 39,38, sempre vicino ai minimi da quasi 7 anni, mentre negli scambi dell'after hours il barile di West Texas Intermediate cala di 26 cents a 36,50 dollari.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia