venerdì 20 gennaio | 17:24
pubblicato il 28/nov/2013 12:19

Petrolio: AIE, al centro paesi emergenti. Brasile tra grandi produttori

Petrolio: AIE, al centro paesi emergenti. Brasile tra grandi produttori

(ASCA) - Roma, 28 nov - Il ''centro di gravita''' della domanda petrolifera si sta spostando verso i paesi emergenti del medio ed estremo oriente mentre il Brasile si prepara a diventare uno dei principali paesi esportatori al mondo. E' quanto emerge dal World Energy Outlook dell'Agenzia Internazionale dell'Energia presentato oggi a Roma dal suo capo economista Fatih Birol.

''La cosa che colpisce di piu' della situazione attuale - ha detto - e' come stanno cambiano i ruoli nel mercato energetico mondiale''.

Secondo l'AIE, ''il centro di gravita' della domanda energetica globale si sta spostando decisamente verso le economie emergenti, soprattutto Cina, India e il Medio Oriente, la cui crescita determinera' da qui al 2035 un aumento di circa un terzo dei consumi energetici globali.

Prima la Cina, poi dal 2020 l'India, guideranno la crescente rilevanza dell'Asia nella domanda energetica e commerciale globale''.

Se gli Usa nel medio termine saranno al centro dell'attenzione dei mercati petroliferi mondiali, si legge nel rapporto, il Medio Oriente, unica grande fonte di petrolio a basto costo (15-25 $/bl), rimarra' comunque centrale nelle prospettive petrolifere di lungo termine.

Tuttavia, al 2035 parte dell'offerta di greggio incrementale del Medio Oriente verra' assorbita dalla nuova capacita' di raffinazione domestica (+3,4 milioni di barili al giorno - mb/d - al 2035; +45% della capacita' attuale) volta a soddisfare non solo il fabbisogno del mercato interno, ma anche per alimentare crescenti flussi di esportazione di prodotti petroliferi sui mercati internazionali.

La nuova geografia della domanda e dell'offerta comportera' un ridisegno del commercio globale di petrolio con i mercati asiatici che dreneranno crescenti flussi di greggio (63% del totale al 2035). Per contro, il Nord America ridurra' il suo fabbisogno di importazioni di greggio, fino a diventare autosufficiente entro il 2030. Il Brasile, rileva l'AIE, diventera' un grande esportatore di petrolio e uno dei principali produttori energetici globali.

Risorse energetiche abbondanti (106 miliardi di barili di risorse di petrolio recuperabili e 20 trilioni di metri cubi di gas) e diversificate fanno prevedere in Brasile un aumento dell'80% dell'uso di energia, incluso l'accesso all'energia per tutti i cittadini. Il Sud Est Asiatico vedra' triplicare economia e popolazione al 2035 e conseguentemente i consumi di energia dell'80%. Si ridurra' l'export dall'area di carbone (fonte di elezione nella generazione elettrica) e gas naturale, impiegati maggiormente nei mercati domestici. fgl/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire