domenica 04 dicembre | 01:24
pubblicato il 06/nov/2014 09:46

Per gli italiani l'auto del futuro deve essere connessa e smart

Con funzioni per evitare traffico, stress e per maggiore sicurezza

Per gli italiani l'auto del futuro deve essere connessa e smart

Roma, 6 nov. (askanews) - Una sorta di smartphone o tablet con quattro ruote. Gli italiani immaginano così la loro auto fra 25 anni, assolutamente "connessa", in grado di assistere il guidatore e soprattutto di fornirgli informazioni in tempo reale: funzioni ben precise finalizzate a rendere il viaggio più piacevole, eliminando possibili fonti di stress e aumentando il livello di sicurezza. Lo studio, realizzato in collaborazione con GfK e che ha coinvolto 8.800 persone di età compresa tra i 18 e i 65 anni in Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi e Spagna, conferma la grande passione degli italiani per i "gadget" tecnologici.

Secondo la ricerca commissionata da AutoScout24, dal titolo "The cars we want tomorrow", sono proprio gli abitanti del Bel Paese, con il 67,6%, gli europei che più desiderano guidare un'auto in grado di comunicare e interfacciarsi con il mondo esterno.

Secondi, dopo gli italiani, in questa speciale classifica, gli spagnoli con il 67,2%: anche loro, infatti, ritengono importante ricevere direttamente sul pannello di controllo della propria vettura servizi di assistenza e informazioni via Internet. I meno interessati all'auto interconnessa sono invece gli olandesi con il 44,6%.

Tra tutte le possibilità aperte dalle nuove tecnologie, quali sono quelle che veramente interessano gli automobilisti europei del domani? In cima alla classifica la sicurezza: l'82,1% di tutti gli intervistati ha dichiarato di desiderare soprattutto sistemi di riconoscimento del pericolo e di intervento attivo in situazioni di rischio. Segue di pochissimo (81,9%) la percentuale di chi ha valutato importante la presenza della funzione "eCall", ovvero di un dispositivo che in caso di incidente sia in grado di inviare in modo automatico una chiamata di soccorso al più vicino centro di emergenza.

La ricerca ha indagato anche altri aspetti legati all'assistenza alla guida, all'intrattenimento e all'informazione. In particolare è emerso che il 77,3% del campione si è dimostrato interessato a un sistema intelligente per la prevenzione degli ingorghi stradali. Grande interesse (67,9%, con un aumento direttamente proporzionale al livello di istruzione) anche per l'ipotesi di uno schermo in grado di fornire informazioni in tempo reale sul traffico.

Meno della metà degli intervistati (48,9%), con una netta prevalenza di uomini, vorrebbe integrato nella propria auto un accesso veloce a Internet, disponibile sempre e ovunque. Può sorprendere il fatto che questa funzione sia apprezzata soprattutto da chi rientra nella fascia di età compresa fra i 40 e i 49 anni, ma in realtà il dato rappresenta la conferma che la Rete è diventata un'esigenza largamente sentita.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari