lunedì 23 gennaio | 21:59
pubblicato il 17/ago/2016 08:44

Pensioni, Zanetti: non priorità. Prima contratti e taglio tasse

Prima misure per crescita. Da Bruxelles nuova flessibilità

Pensioni, Zanetti: non priorità. Prima contratti e taglio tasse

Roma, 17 ago. (askanews) - Le priorità del governo sono evitare l'aumento dell'Iva, ridurre le tasse sul lavoro e rinnovare i contratti degli statali, poi "ma soltanto poi" si può pensare a interventi redistributivi sulle pensioni. Lo afferma il viceministro dell'economia, Enrico Zanetti, in un'intervista a La Stampa rinnovando la richiesta a Bruxelles di nuova flessibilità per poter anadare avanti col processo di riforme.

"Prima di tutto, vengono le norme per aiutare il Paese a crescere - sottolinea Zanetti - e quindi bisogna evitare l'aumento dell'Iva e ridurre la pressione fiscale sul lavoro. Poi bisogna implementare misure di protezione sociale per chi non ha né lavoro né pensione. E, dopo anni di blocco, bisogna rinnovare i contratti del pubblico impiego. Poi, e sottolineo tre volte mi spiace, ma soltanto poi, si può pensare a misure redistributive per rendere più generoso il sistema previdenziale".

"Le risorse per le pensioni ci saranno, ma difficilmente potranno coprire per intero le aspettative di chi, in modo secondo me discutibile, pone le pensioni al primo posto nella classifica delle priorità" prosegue il Viceministro che avverte: "Una cifra esatta oggi è difficile da quantificare, ma bisogna avere chiaro un ordine di priorità".

Nonostante la frenata del Pil il pacchetto pensioni non salterà, assicura Zanetti "Secondo noi non deve saltare nulla, ma è necessario un ordine di priorità" né sono a rischio i conti pubblici "perché continuiamo a essere oculati".

"Chiaro però - prosegue - che questo rallentamento della crescita, che speriamo venga compensato nel secondo semestre, è un elemento di difficoltà in un'ottica di manovra espansiva".

Per questo, conclude Zanetti, "serve ancora più determinazione con l'Europa per ottenere tutta la flessibilità possibile" visto che "stiamo andando avanti con un processo di riforme. Dove sta scritto che la flessibilità debba essere concessa una tantum, visto che il processo di riforma non si ferma?".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4