martedì 17 gennaio | 18:20
pubblicato il 26/nov/2013 11:35

Pensioni: Ocse, anziani poveri e giovani senza futuro. Italia paga errori del passato.

Pensioni: Ocse, anziani poveri e giovani senza futuro. Italia paga errori del passato.

(ASCA) - Roma, 26 nov - La sostenibilita' finanziaria, l'adeguatezza dei redditi pensionistici e la lotta contro il rischio di poverta' degli anziani dovrebbero rimanere dei temi importanti nell'agenda politica in Italia, altrimenti sul Paese pesera' un costo di assistenza per le persone non autosufficienti che ridurra' notevolmente il reddito disponibile dei pensionati futuri, in particolar modo dei lavoratori precari e mal pagati, davanti ai quali si prospetta una vecchiaia in poverta'. Il monito giunge dall'Ocse, che in un nuovo rapporto diffuso oggi dal titolo ''Pensions at a Glance 2013'' scandisce difetti e debolezze del sistema pensionistico italiano. ''Un'eredita' del passato'', che il Belpaese si trascina dietro nonostante i miglioramenti al sistema apportati dalla riforma Fornero, in grado di realizzare ''un passo importante per garantirne la sostenibilita' finanziaria'' richiesta da Bruxelles. Non a caso, nel 2009 l'Italia ''aveva il sistema pensionistico piu' costoso tra i Paesi Ocse'', con ''una spesa pubblica per pensioni di vecchiaia e superstiti pari a 15.4% del reddito nazionale, rispetto a una media del 7,8 %''. Oggi, invece, il quadro e' lievemente migliorato, anche se i timori verso le future generazioni persistono. A incidere, in particolar modo il sistema contributivo puro introdotto nel 2012. ''L'adeguatezza dei redditi pensionistici potra' essere un problema per le future corti di pensionati'' italiani'', scrive l'Ocse. Per questo i ''lavoratori con carriere intermittenti, precari e mal retribuiti saranno piu' vulnerabili, al rischio di poverta' durante la vecchiaia''. Cosi' come del resto gli anziani di oggi, che oltre all'assegno sociale erogato secondo il livello di reddito, non ricevono ''alcuna pensione sociale per attenuare il rischio''. Il timore e' che sul Paese possa ''pesare un costo di assistenza per le persone non autosufficienti che ridurra' notevolmente il reddito disponibile dei pensionati futuri'', commenta l'esperta dell'Organizzazione sulle pensioni Anna Cristina D'Addio. Per l'Ocse diventano quindi ''essenziali'' politiche volte a ''promuovere l'occupazione e l'occupabilita' e migliorare la capacita' degli individui ad avere carriere piu' lunghe'', soprattutto perche' ''l'aumento dell'eta' pensionabile sara' un fattore determinante per la riduzione della spesa pensionistica'' in Italia e ''permettera' di conseguire notevoli risparmi in futuro''. Specialmente a fronte di quell'Italia dei privilegi che negli ultimi anni ha minato il rapporto tra istituzioni e cittadini. In toni piuttosto sobri, l'Ocse invita il governo italiano a prendere misure contro i cosiddetti baby-pensionati. ''L'aumento dell'eta' pensionabile - scrive nel rapporto - non e' sufficiente a garantire che le persone rimangano sul mercato del lavoro'' se, ancora oggi, ''esistono meccanismi che consentono ai lavoratori di lasciare il mercato del in anticipo''. rba

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa