sabato 03 dicembre | 08:22
pubblicato il 08/ott/2012 18:37

Pensioni/ Fornero: Riforma grande operazione di riequilibrio

"Meno ai padri, più ai figli e alle figlie"

Pensioni/ Fornero: Riforma grande operazione di riequilibrio

Milano, 8 ott. (askanews) - "Io interpreto questa riforma delle pensioni come la più grande operazione di riequilibrio nei rapporti tra le generazioni fatta in questo paese negli ultimi decenni". Con queste parole, il ministro del Lavoro Elsa Fornero ha difeso la riforma del sistema pensionistico effettuata dal governo Monti. In un convegno all'università Bocconi il ministro ha sottolineato come l'allungamento dei tempi di vita abbia portato il precedente sistema a non essere più sostenibile. "Non è più pensabile che una persona lavori per trent'anni e poi magari ne passi 35-40 in pensione", ha affermato. Fornero ha sintetizzato il senso della riforma con lo slogan: "Meno ai padri e più ai figli e alle figlie". Il ministro ha osservato che il precendente sistema era frutto di promesse "non lungimiranti" fatte in passato dalla politica e spesso basate "su una scarsa conoscenza dei meccanismi delle pensioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari