sabato 03 dicembre | 00:09
pubblicato il 07/lug/2016 11:00

Pensioni: flop part-time agevolato, in un mese 100 beneficiari

Boeri: costi amministrativi superiori a somme erogate

Pensioni: flop part-time agevolato, in un mese 100 beneficiari

Roma, 7 lug. (askanews) - Il part-time agevolato, introdotto dall'ultima legge di stablità e in vigore dal 2 giugno, rischia di essere un flop. Nel primo mese sono infatti stati poco più di 100 i beneficiari. Il numero di coloro che hanno deciso di utilizzare questa misura sperimentale è stato fornito dal presidente dell'Inps, Tito Boeri, illustrando il rapporto annuale dell'istituto e sottolineando che il part-time agevolato "sin qui è destinato ad avere costi amministrativi superiori alle somme erogate".

Il part-time agevolato consente un'uscita graduale ai lavoratori del settore privato con contratto a tempo indeterminato in possesso del requisito contributivo minimo per il diritto alla pensione di vecchiaia e che perfezionano quello sull'età pensionabile entro il 31 dicembre 2018. E' possibile in questo caso per il lavoratore concordare con il datore di lavoro una riduzione del proprio orario di lavoro tra il 40 e il 60%, percependo in busta paga oltre alla retribuzione per l'attività lavorativa svolta anche una somma esente dall'Irpef pari ai contributi a carico del datore di lavoro corrispondenti alla retribuzione persa. Il lavoratore che accede al part-time agevolato non subisce così alcuna perdita sulla propria pensione perché viene comunque garantita la contribuzione piena con accredito figurativo per la quota che copre la retribuzione persa per le ore non lavorate. Ai fini del computo della pensione, quindi, gli anni a tempo parziale sono considerati pienamente.

Lo start up di questa disciplina è avvenuto lo scorso 2 giugno e "non è ancora possibile valutare quanto sia attraente per i lavoratori e per le aziende - spiega il rapporto dell'Inps - i primi dati testimoniano una partenza rallentata, ma sono ancora da considerarsi poco significativi". I dati aggiornati al 21 giugno riferiscono di 238 domande presentate. Sono 85 quelle accolte, 84 le respinte e 69 quelle giacenti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari