martedì 21 febbraio | 17:33
pubblicato il 07/lug/2016 11:00

Pensioni: flop part-time agevolato, in un mese 100 beneficiari

Boeri: costi amministrativi superiori a somme erogate

Pensioni: flop part-time agevolato, in un mese 100 beneficiari

Roma, 7 lug. (askanews) - Il part-time agevolato, introdotto dall'ultima legge di stablità e in vigore dal 2 giugno, rischia di essere un flop. Nel primo mese sono infatti stati poco più di 100 i beneficiari. Il numero di coloro che hanno deciso di utilizzare questa misura sperimentale è stato fornito dal presidente dell'Inps, Tito Boeri, illustrando il rapporto annuale dell'istituto e sottolineando che il part-time agevolato "sin qui è destinato ad avere costi amministrativi superiori alle somme erogate".

Il part-time agevolato consente un'uscita graduale ai lavoratori del settore privato con contratto a tempo indeterminato in possesso del requisito contributivo minimo per il diritto alla pensione di vecchiaia e che perfezionano quello sull'età pensionabile entro il 31 dicembre 2018. E' possibile in questo caso per il lavoratore concordare con il datore di lavoro una riduzione del proprio orario di lavoro tra il 40 e il 60%, percependo in busta paga oltre alla retribuzione per l'attività lavorativa svolta anche una somma esente dall'Irpef pari ai contributi a carico del datore di lavoro corrispondenti alla retribuzione persa. Il lavoratore che accede al part-time agevolato non subisce così alcuna perdita sulla propria pensione perché viene comunque garantita la contribuzione piena con accredito figurativo per la quota che copre la retribuzione persa per le ore non lavorate. Ai fini del computo della pensione, quindi, gli anni a tempo parziale sono considerati pienamente.

Lo start up di questa disciplina è avvenuto lo scorso 2 giugno e "non è ancora possibile valutare quanto sia attraente per i lavoratori e per le aziende - spiega il rapporto dell'Inps - i primi dati testimoniano una partenza rallentata, ma sono ancora da considerarsi poco significativi". I dati aggiornati al 21 giugno riferiscono di 238 domande presentate. Sono 85 quelle accolte, 84 le respinte e 69 quelle giacenti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia