domenica 26 febbraio | 23:21
pubblicato il 28/mag/2014 14:09

Pensioni: Covip, serve ripensamento del Welfare integrativo

Pensioni: Covip, serve ripensamento del Welfare integrativo

(ASCA) - Roma, 28 mag 2014 - Occorre un ripensamento del sistema di Welfare integrativo, con un'unica autorita' di vigilanza. Lo afferma la Covip che oggi ha presentato la relazione annuale per il 2013. ''Oggi - si legge nella relazione - una quota sempre maggiore dei rischi connessi all'invecchiamento della popolazione e al peggioramento delle condizioni di salute e' destinata a trasferirsi dallo Stato alle famiglie''. ''Occorre - prosegue la Covip - un ripensamento complessivo dell'assetto di Welfare integrativo nel nostro Paese, che concepisca in una visione unitaria previdenza complementare e assistenza sanitaria integrativa''. ''La sfida di un Welfare integrato - aggiunge la Covip - dovrebbe tener conto delle differenze fra i due strumenti: i fondi pensione sono soggetti da tempo a una normativa organica e specifica, mentre per i fondi sanitari il percorso di attuazione della normativa e' embrionale''. ''Sarebbe auspicabile la scelta, in tale ambito, di un'unica Autorita' di vigilanza del settore - conclude la Covip -, che potrebbe certamente favorire tale progressiva convergenza''.

com-sen/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech