domenica 22 gennaio | 00:50
pubblicato il 10/mar/2014 13:55

Pensioni: Cgil, governo apra confronto serio. Restituire flessibilita'

(ASCA) - Roma, 10 mar 2014 - ''Il tema delle pensioni deve essere inserito nell'agenda del governo: se si vuole davvero intervenire a favore dell'occupazione, il nodo della previdenza va affrontato''. Cosi' Vera Lamonica, segretario nazionale della Cgil, ai microfoni di Radioarticolo1. ''La riforma Fornero - sostiene la dirigente sindacale - non solo ha provocato ferite come quella degli esodati, ma ha portato ad un blocco pressoche' generalizzato di ogni possibile turn over: le persone non vanno in pensione e quindi non vi sono opportunita' di impiego per i giovani''. ''L'esecutivo deve cogliere questo legame - prosegue Lamonica - e avviare un confronto con i sindacati per risolvere le emergenze e ragionare sulle modifiche da apportare al sistema. Da un lato e' necessario dare risposte agli esodati (i salvaguardati sono appena 160mila e gli assegni effettivamente erogati poco piu' di 30mila) ed evitare una nuova emergenza esodandi, vale a dire di tutti coloro che rischiano di perdere il posto per i processi di ristrutturazione delle aziende ma, pur essendo lavoratori maturi, non possono accedere alla pensione. E dall'altro occorre restituire flessibilita' al sistema, perche' cosi' come e' costruito oggi non regge''.

''Ci sono, infatti, professioni - sottolinea Lamonica - che non possono essere esercitate in eta' avanzate, mentre per altre il problema non si pone e si deve permettere a chi lo desidera di rimanere al lavoro piu' a lungo. Per questo e' necessaria un'ampia fascia di flessibilita', che peraltro era prevista dalla legge Dini ed e' la regola in tutti i paesi in cui vige il sistema contributivo. Ma senza introdurre ulteriori penalizzazioni e cancellando quelle esistenti, in particolar modo per i pensionamenti anticipati che riguardano lavoratori precoci''. ''Chiediamo, quindi, - conclude Lamonica - l'apertura di un tavolo serio per discutere di questi temi. E, se il governo decidesse di avere un rapporto corretto con le organizzazioni sindacali, si potrebbe ragionare su misure per facilitare contemporaneamente l'entrata e l'uscita di lavoratori e lavoratrici, innescando un circolo virtuoso in grado di creare nuova occupazione per i giovani''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4